shinystat spazio napoli calcio news Chievo, Romairone: "Milik? Ne parlai con Giuntoli. Poteva essere un'opportunità per tutti"

Chievo, Romairone: “Milik? Ne parlai con Giuntoli. Poteva essere un’opportunità per tutti”


A Radio Marte è intervenuto Giancarlo Romairone, ds del Chievo, che ha approfondito la gara di ieri contro il Napoli, rivelando un’importante retroscena:

Napoli-Chievo? Siamo tornati alla normalità, ne avevamo viste di ogni e abbiamo subito tante cose. Siamo tornati a fare la partita che deve fare il Chievo a Napoli, sperando in un mezzo passo falso degli azzurri. Fa piacere che risalti la nostra prestazione, la nostra è una buona squadra che meriterebbe una classifica migliore. Mi fa piacere che emergano calciatori come De Paoli e Kyine.

Giuntoli? Abbiamo parlato prima e dopo la gara. Lui conosce prima degli altri i giovani e i giocatori che hanno fatto bene ieri, mi ha detto: “Ci ho visto giusto su determinati giocatori che reputavo forti”. Ieri sono emersi un paio di giovani, Kyine è reputato molto interessante. Il singolo emerge solo se il gruppo gioca bene.

Stepinski piace a Giuntoli? Fa piacere, sono ragazzi che hanno futuro e rappresentano un patrimonio importante per il Chievo. Ounas? Si chiacchiera di tante cose, ma prima di dicembre nessuna società farà dei passi. Vediamo la classifica e speriamo di poter fare qualcosa sul mercato.

Colpi in estate dal Napoli? Si, calciatori importanti e costosi. Non abbiamo avuto la possibilità di portare a termine tante idee interessanti. Ci scambiamo informazioni col Napoli, una volta rientrati tutti gli infortunati penseremo alla seconda parte del campionato. Abbiamo giocatori esperti e giovani interessanti, potrebbe essere necessario un piccolo aggiustamento. Dobbiamo lottare e dare il massimo fino a dicembre, poi faremo un bilancio.

Milik? Ne parlammo, poteva essere un’opportunità per tutti se solo avrebbe potuto dare a Roberto la possibilità di giocare a Napoli, ma lui ha preferito finire la stagione qui. La soluzione migliore è stata non fare niente. L’operazione Inglese si conferma un’ottima operazione del Napoli”.