shinystat spazio napoli calcio news Gabbiadini, centravanti d'eccezione con il fiuto del goal: per lui è arrivato il momento della svolta

Gabbiadini, centravanti d’eccezione con il fiuto del goal: per lui è arrivato il momento della svolta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Si sta disegnando lentamente il Napoli che verrà, quello targato Sarri, una squadra operaia con il 4-3-1-2 come modulo cardine. Mentre si ragiona sui colpi da mettere a segno per rinforzare la rosa, un trequartista e un altro centrocampista quasi obbligatori, c’è già da disegnare quella che potrebbe essere la formazione tipo. Hamsik potrebbe interpretare più ruoli, un inamovibile Pepe Reina tra i pali, e in attacco Manolo Gabbiadini.

GOLEADOR – È una posizione inedita per l’ex doriano, eppure per le sue caratteristiche non è una soluzione così velleitaria. Già quest’anno Gabbiadini ha dimostrato di avere grandi capacità realizzative, andando a bersaglio 20 volte in 45 presenze tra Sampdoria e Napoli. Con gli azzurri ha messo a segno 11 reti in 30 presenze. Numeri da vero goleador, soprattutto se si considera il ruolo occupato in campo, impiegato nei tre sulla trequarti, solitamente al centro o a destra. Quello di centravanti non è un mestiere completamente inedito per lui, che si è impiegato come unica punta nella vittoria per 3-2 sul Cesena, gara in cui, tra l’altro, ha segnato il goal del momentaneo 2-1.

SPALLE…ALLA PORTA – Tutto cambierebbe con il 4-3-1-2 plasmato da Sarri. Gabbiadini avrebbe la possibilità di avere al suo fianco un centravanti di mestiere, che sia Higuain, Immobile o Zapata, e quindi di svariare di più sul fronte offensivo, talvolta abbassandosi sulla linea del trequartista: il 4-3-2-1 che potrebbe diventare 4-3-1-2 non è modulo sconosciuto all’ex tecnico dell’Empoli. Nasce il Napoli che verrà, e riparte da un centravanti nuovo, una bocca di fuoco d’eccezione, che potrà mettere in mostra le sue doti di goleador.

Vittorio Perrone

 

Preferenze privacy