shinystat spazio napoli calcio news L'esilio è finito, Reina torna a Napoli: un nuovo leader per Sarri

L’esilio è finito, Reina torna a Napoli: un nuovo leader per Sarri


Sta per tornare un leader a Napoli. Così si può definire Pepe Reina, prossimo al ritorno all’ombra del Vesuvio. Il portiere, che in azzurro è rimasto un anno, non ha saputo resistere al richiamo di una piazza che a livello personale gli ha trasmesso tanto. L’aveva dichiarato lui stesso alla televisione spagnola, richiamando le parole del film Benvenuti al Sud: “Chi arriva a Napoli piange due volte – aveva detto – quando arriva e quando parte”.

Fortunatamente per lui l’esilio è durato soltanto un anno, in cui ha potuto vincere di tutto al Bayern, pur essendo relegato ai margini della squadra a causa di un infortunio.

L’esilio è finito, per fortuna non soltanto sua ma dell’intero Napoli, che nello scorso campionato ha accusato diversi problemi tra i pali: Rafael e Andujar si sono alternati nel corso della stagione con risultati altalenanti e non hanno mai garantito affidabilità. È mancato poi un leader che potesse comandare la difesa (e l’intera squadra) dalle retrovie. La sensazione è proprio che il pacchetto arretrato abbia patito l’assenza di un vero e proprio punto di riferimento come Reina.

Un interrogativo resta intorno al nome dello spagnolo: quali sono le sue condizioni dopo un anno trascorso lontano dai campi? Reina è rimasto a lungo in panchina a fare il secondo di Neuer, cosa che aveva accettato quando aveva firmato il contratto con il Bayern. Quando ha avuto la chance di prendere le redini dei pali, dopo la matematica vittoria del Meisterschale, è stato colpito da un infortunio che l’ha tenuto fuori fino al termine della stagione.

Anche nell’anno a Napoli era stato soggetto a qualche infortunio di lieve entità: dopo quello ben più grave capitato a Rafael, le sue condizioni precarie avevano costretto la società a cautelarsi acquistando dal mercato degli svincolati Toni Doblas. Nulla però rispetto a quanto capitatogli quest’anno a Monaco: l’infortunio potrebbe debilitarlo, eppure a Napoli nessuno pensa a quest’eventualità. Ciò che salta subito alla mente è la leadership di Reina, presto al servizio del nuovo tecnico Sarri. Persino Benitez aveva tessuto le sue lodi:”Uno spagnolo napoletano” l’aveva definito Rafa. Presto tornerà ad esserlo di nuovo.

Vittorio Perrone