Hamsik a San Siro tra tabù da sfatare e classifiche da aggiornare. Lo slovacco: “Voglio battere altri record”

Un sorriso ampio e un premio che lo inorgoglisce. Così Marek Hamsik ha messo alle spalle i fischi e le critiche dopo la gara con l’Empoli. La contestazione più dura da quando lo slovacco è a Napoli, un colpo al cuore per chi dal pubblico di Fuorigrotta ha avuto sempre e solo applausi. Il gol con lo Slovan lo ha liberato da una morsa che sembrava non farlo respirare, allentando le pressioni e permettendogli chissà, di avere la testa sgombra da troppi pensieri dando di nuovo spazio alla sua fantasia. Ieri, durante la consegna del “Premio Vesuvio D’Oro”, il capitano azzurro si è rubato tutto l’affetto dei presenti alla manifestazione e ha promesso: “Qui a Napoli mi sento una bandiera, voglio battere altri record con questa maglia”. E giù gli applausi.

NUMERI IMPORTANTI – E allora non c’è tempo da perdere caro Marek, il passo da bandiera a leggenda è più che ampio. Innanzitutto c’è da registrare il gol allo Slovan che gli ha permesso di salire a quota 82, avvicinandolo a Careca, fermo a quota 96, nella classifica all-time dei marcatori azzurri. Il sogno di Hamsik è quello di toccare quota 100, un traguardo prestigioso ma non impossibile. Insieme al gol, con la partita di Europa League il capitano slovacco ha disputato la gara numero 322 con la casacca della città del Vesuvio. Davanti a lui c’è Ciro Ferrara, fermo a 323 e quarto in questa speciale graduatoria. Possibile che, dopo la gara di San Siro, l’obiettivo primario diventi Moreno Ferrario, terzo con 396 presenze.

LEGGI ANCHE:   "Come si ferma Kvaratskhelia?", risposta in diretta di Mancini

TABU’ SAN SIRO – Con il Milan sarà un posticipo di fuoco per Marekiaro. Nel mirino c’è sia un altro passo verso la storia ma anche la possibilità di rompere un tabù più che fastidioso per il numero 17. Negli otto anni di Napoli mai una volta è riuscito a timbrare il cartellino quando ospitato dalla società rossonera. A San Siro solo occasioni sprecate miste a soddisfazioni collettive, come l’impresa dello scorso anno firmata da Britos ed Higuain. In attesa di quella personale dunque, per scrivere un’altra pagina del suo grande romanzo in maglia azzurra.

Sabato Romeo

RIPRODUZIONE RISERVATA 

Home » News Calcio Napoli » Hamsik a San Siro tra tabù da sfatare e classifiche da aggiornare. Lo slovacco: "Voglio battere altri record"