shinystat spazio napoli calcio news Dicembre svelerà i piani del Napoli sul mercato di gennaio. Con un'incognita da risolvere in fretta

Dicembre svelerà i piani del Napoli sul mercato di gennaio. Con un’incognita da risolvere in fretta


Alle porte della sfida contro la Sampdoria, circolano forti le voci dell’interessamento del Napoli per Manolo Gabbiadini per dar man forte al reparto avanzato azzurro, privato fino a fine stagione di Lorenzo Insigne. L’ala blucerchiata però è solo l’ultimo dei nomi che circolano in orbita Napoli.

Si è parlato di Perisic, calciatore del Wolfsburg in bella mostra nella partita di qualificazione Italia-Croazia, di Lucas, centrocampista del Liverpool, della suggestione Lavezzi o anche dello sconsolato Cerci.

Tanti nomi ma poche certezze, perché i tifosi partenopei già delusi dal mercato estivo temono un altro flop, in un mercato di riparazione invernale che non è mai facile da gestire, sia dal punto di vista economico che riguardo la scelta di calciatori disponibili al trasferimento.
Ad alimentare questa incertezza, vi è poi la questione rinnovo di Benitez.
Per adesso il gioco delle parti tra il tecnico spagnolo e la società fa emergere la volontà di mantenere un clima disteso per non dar vita ad un “tormentone” che potrebbe far solo male alle sorti della squadra.

“Avere calciatori o allenatori a scadenza non cambia nulla. Faremo qualcosa sicuramente, perché abbiamo tanti infortuni soprattutto in attacco”: queste le parole di Bigon in un intervista di pochi giorni fa. Ma chissà se i dubbi sul rinnovo da parte di Benitez possano in qualche modo condizionare i piani operativi del ds azzurro.

Dunque oltre alla curiosità su chi potrà da gennaio partecipare alla causa azzurra, è forte anche l’interesse di conoscere la volontà dell’allenatore di restare all’ombra del Vesuvio, in quanto grazie alla sue capacità da manager è stato capace fino ad oggi di selezionare giocatori che ora fanno la fortuna del Napoli. Il mini ciclo di partite del mese di dicembre probabilmente dirà tanto a riguardo. Per un mercato di riparazione forse mai importante quanto quest’anno.