shinystat spazio napoli calcio news Molte occasioni e pochissimi rischi ma il Napoli resta ancora troppo sprecone

Molte occasioni e pochissimi rischi ma il Napoli resta ancora troppo sprecone


La sentenza del “San Paolo” è nettissima. Napoli-Young Boys 3-0. Il divario tra le due squadre in campo è risultato davvero enorme, e gli svizzeri, arrivati a Napoli con il petto gonfio per la vittoria dell’andata, sono tornati in patria scuri in volto.

Ma come nasce la vittoria schiacciante del Napoli? Semplicemente Benitez ha saputo trovare un equilibrio ben definito tra i reparti, e quello che ne è scaturito è stato un rullo compressore che ha travolto lo Young Boys dal primo all’ultimo minuto. I dati parlano chiaro: il Napoli ha calciato ventinove volte, quasi sei volte in più rispetto alle cinque conclusioni degli svizzeri. Se gli azzurri avessero raccolto quanto seminato, il risultato sarebbe stato ancora più rotondo. Migliorare sotto porta è il primo obiettivo che la squadra di Benitez si deve imporre.

Ma la sorpresa della serata è la prestazione del pacchetto arretrato. Zero rischi, o giù di lì. L’unico vero pericolo per la porta di Rafael è arrivato a partita ormai terminata, e l’estremo difensore si è destreggiato bene neutralizzando la conclusione di Nikci. I “gialloneri” di Uli Forte non hanno mai saputo pungere la retroguardia azzurra, formata dalla coppia Koulibaly-Henrique, che ha davvero ben figurato. Discorso analogo vale per i due terzini, il ritrovato Mesto e l’instancabile Ghoulam. Quest’ultimo, avendo giocato le ultime quattro partite, era stato inizialmente lasciato a riposo, ma è dovuto subentrare all’infortunato Britos.

I miglioramenti dunque ci sono e si notano, ma la perfezione (o qualcosa che ci vada vicino ndr) è ancora lontana. Il Napoli fa ancora fatica a inquadrare lo specchio, ma la sensazione è che se la squadra di Benitez si mostrasse più fredda e cinica negli ultimi metri, potrebbe giocarsela davvero con chiunque. Ed è ciò che i tifosi azzurri si augurano.

Vittorio Perrone