shinystat spazio napoli calcio news La prestazione di Duvan Zapata tra un primo tempo impreciso ed una ripresa ricca di sacrificio e qualità

La prestazione di Duvan Zapata tra un primo tempo impreciso ed una ripresa ricca di sacrificio e qualità


Napoli-Young Boys, primi venti minuti del secondo tempo. Il Napoli ha creato molto, ma sprecato tanto. Succede sempre per la foga di portare a casa un risultato importante. Tra gli azzurri in campo, c’è un Duvan Zapata che combatte, sgomita, anche lui troppo impreciso non trovando la rete personale pur dannandosi per i compagni. Ecco, lo scenario dei primi venti minuti della ripresa è questo. Almeno fino al 65’, quando lo stesso Duvan, raccolto un pallone nella propria metà campo, s’invola verso la porta di Mvogo e, superati due avversari, serve uno splendido assist a De Guzman, rendendo finalmente in discesa un match che faticava a spiccare il volo per gli azzurri.

Azione travolgente. La sintesi della prestazione di Duvan è questa. Il gigante buono del Napoli ha lottato per i compagni, ma non sempre ha raccolto i frutti. Troppi errori, tra agganci mancati e tocchi imprecisi. Ma la svolta è radicale. Dopo la splendida cavalcata con tanto di assist a De Guzman per la rete del 2-0 partenopeo, la partita dell’attaccante colombiano cambia completamente: il Napoli gioca sull’onda dell’entusiasmo, crea tantissimi pericoli, e più volte il colombiano sfiora la rete, cercando la sorte anche dalla distanza: al primo tentativo trova i guantoni di Mvogo, al secondo il suo tiro sorvola la traversa. Benitez lo rileva dal campo a quindici minuti dal termine, tra gli applausi dei tifosi assiepati sugli spalti.

Anche ieri sera infatti, Duvan Zapata non ha timbrato il cartellino dei marcatori. La sua ultima rete risale al 24 settembre, quando segnò il gol del momentaneo 2-0 al Palermo. Un mese e due settimane in cui il colombiano ha collezionato davvero poche presenze, l’ultima a Berna, dove risultò tra i peggiori in campo, capitolando insieme al resto della squadra. Duvan vuole tornare al gol ma il primo step per farlo è trovare continuità. Difficile scalzare un Higuain in splendida forma, ma il colombiano ha le capacità per ritagliarsi uno spazio nello scacchiere di Benitez. Bastano soltanto impegno e sacrificio. E lui è un esperto in materia.

Vittorio Perrone
RIPRODUZIONE RISERVATA