shinystat spazio napoli calcio news Napoli, l'altalena degli umori deve finire!

Napoli, l’altalena degli umori deve finire!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Farsi trasportare dai sentimenti, a volte, può essere anche un toccasana, una scelta giusta. Ad esempio: come potrebbero i tifosi del Napoli non essere soddisfatti ed ottimisti dopo l’incredibile prova offerta dagli azzurri al San Paolo contro la Roma e dopo i 7 punti conquistati nelle ultime tre gare? Fin qui tutto giusto.

Tuttavia, era appena il 23 ottobre quando, dalla lontana (nemmeno troppo) Berna, sembrò arrivare un chiaro messaggio: il Napoli è in crisi profonda. Pochi punti in campionato, una sconfitta inaspettata in Europa League contro lo Young Boys, ma soprattutto un gioco inesistente ed una “cazzimma” invocata a parole da Gokhan Inler, ma non tramutata in fatti sul terreno di gioco.

Ed ora? Cosa è successo a distanza di 12 giorni? I commenti dei tifosi sono totalmente cambiati, così come quelli di una parte della stampa. La domanda che mi viene in mente è: il Napoli era quello di inizio stagione o questo? Forse, e metto me in prima linea, nei giudizi siamo stati troppo affrettati, come sempre.

La mia speranza, per non dilungarmi troppo, è una sola: che Napoli cresca come città, come pubblico e soprattutto migliori la sua mentalità, perché quando Benitez invocava l’ormai famoso “spalla a spalla” non diceva una eresia. Napoli, con il volere e l’impegno dei napoletani, può andare lontano, ma nelle difficoltà bisogna fare quadrato e non sparare a zero. Nel calcio e nella vita di tutti i giorni…

Antonio De Filippo

 

Preferenze privacy