shinystat spazio napoli calcio news CdS - Inizio flop per le milanesi, il campionato è ad un bivio: solo due squadre possono insidiare Juve e Roma

CdS – Inizio flop per le milanesi, il campionato è ad un bivio: solo due squadre possono insidiare Juve e Roma


Un mese fa, quando settembre era alla fine, ci stavamo preparando a un Juve-Roma stellare. Convinti che nessuno avrebbe potuto mettere in discussione il dominio totale di queste due squadre: entrambe avevano vinto tutt’e cinque le partite di campionato, entrambe avevano debuttato con un successo in Champions tirando un po’ su anche il nostro depresso ranking europeo. Oggi quelle certezze non esistono più. Anzi.

La Juve, che a Empoli s’è presa tre punti d’oro, ha vinto solo due delle ultime cinque gare: ha pareggiato con il Sassuolo, ha perso con Olympiacos e Genoa. Ha smarrito sicurezza, anche aggressività (quella che le trasmetteva Conte); non ha avuto il miglior Pirlo, ma nemmeno i migliori Vidal e Llorente. La Roma, peggio ancora. Nonostante un organico arricchito e migliorato, Garcia ha otto punti in meno rispetto a un anno fa e ha già perso due partite. In aggiunta, c’è stata l’umiliazione con il Bayern. Sarebbe eccessivo mettere in discussione tutto quello che di positivo si è detto finora sui giallorossi, ma dopo averli visti naufragare anche in balia del Napoli emergono forti perplessità soprattutto sulla loro tenuta psicologica. I black-out della Roma ormai sono un caso.

Restiamo convinti che Juve e Roma abbiano i gruppi più forti e completi, ma questo mese ci ha detto che la lotta per lo scudetto potrebbe anche non essere un duello. In fondo la terza è ad appena tre punti dai giallorossi. Già, ma chi è in grado di inserirsi lassù? Con tutta l’ammirazione per la Sampdoria e Mihajlovic, strepitosi, è arduo pensare che possano resistere a questi ritmi, anche se all’estero – in tornei ben più competitivi del nostro – ci sono squadre piccole e modeste che tengono il passo delle grandi (pensiamo al Southampton di Pellè, secondo in Premier, o al Valencia che vola davanti al Barça). Le milanesi sono improponibili, così come la Fiorentina.

Guardiamo, dunque, a Napoli e Lazio: ecco chi può più avvicinarsi a Juve e Roma. Benitez ha tanti elementi di classe eccelsa (da Higuain a Callejon, da Insigne a Mertens), ha trovato un super Koulibaly e sembra realmente inferiore alla coppia di testa solo a centrocampo. Pioli, con meno fantasia e più solidità, non ha il peso delle coppe. Napoli e Lazio, sì: non ci sorprenderemmo se una di loro si trasformasse da favorita per il terzo posto a terzo incomodo nella lotta al vertice. Tra l’altro due squadre del Centro-Sud. E questa, con Milano che affonda di fronte a Parma e Palermo, è davvero una rivoluzione.

FONTE Corriere dello Sport