shinystat spazio napoli calcio news Quando il gioco si fa duro...si torna ai "titolarissimi"

Quando il gioco si fa duro…si torna ai “titolarissimi”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Chi lo riteneva legato a determinate logiche ha dovuto lasciar spazio ad una certa autocritica. Una delle osservarzioni da sempre portate a Rafa Benitez ha sempre trovato un pieno e totale riferimento nella gestione eccessiva del turn over da parte del tecnico madrileno.

Trend cambiato – Figlio di una mentalità calcistica europea, l’allenatore ex Valencia e Liverpool ha sempre fatto un deciso ricorso alla rotazione dei propri atleti per gestire al meglio le forze in vista di una stagione logorante.“Non voglio nuotare forte e arrivare morto sulla spiaggia, invece voglio arrivarci vivo e provare a vincere un trofeo. L’unico modo per potelo fare è attraverso il turnover”. La risposta di Benitez nel post sconfitta a Berna contro lo Young Boys a chi gli chiedeva il perché di una rotazione eccessiva dei propri calciatori. Parole di chi è consapevole dei propri mezzi, dei propri strumenti a disposizione. Esiste anche l’altro lato della medaglia, quella verità assoluta rappresentata dal fatto che i giocatori più in forma, la miglior squadra possibile, va gettata in campo con costanza quando c’è da dare una sterzata alla stagione, così è stato negli ultimi sette giorni. Identici gli undici scesi in campo contro Verona Roma, solo due i cambi(Mertens ed Inler per Jorginho e Insigne)nello sfortunato pari di Bergamo.

Sette punti, potevano essere nove, con i quali rilanciarsi in un campionato ancora tutto da scrivere. Il trionfo di ieri contro i giallorossi ha cementato una convizione: quando il gioco si fa duro, si torna ai titolarissimi.

Edoardo Brancaccio

Preferenze privacy