shinystat spazio napoli calcio news Cigarini e Baselli in coro: "Stasera dobbiamo voltare pagina! Sarà una gara diversa da quella di Udine..."

Cigarini e Baselli in coro: “Stasera dobbiamo voltare pagina! Sarà una gara diversa da quella di Udine…”


Luca Cigarini preferisce pensare subito alla prossima partita, perché il passato non porta i punti persi per strada ma al massimo serve solo da lezione per non ripetere certi errori. “Si riparte –ha detto il regista nerazzurro-, si deve ripartire dopo una partita giocata male è persa meritatamente. Meno male che si scende in campo subito così non c’è il tempo per pensare alla partitaccia giocata in Friuli. Dobbiamo dimostrare che l’Atalanta non può essere quella vista domenica ma quella che ha sempre giocato bene fino alla partita col Parma”.

La speranza è che si sia trattato di una giornata storta, troppo storta perché si possa ripetere, ma è chiaro che serve un’immediata sterzata e di questo la squadra è la prima ad essere consapevole. Giocare in casa, davanti al proprio pubblico, può rappresentare l’occasione giusta per rialzarsi e ripartire. “Sicuramente –ne è convinto Cigarini- sarà una partita diversa da quella di Udine, deve esserlo per forza. Giochiamo contro una squadra importante ma sappiamo che anche per loro la partita a Bergamo non sarà una passeggiata. La cosa certa è che dobbiamo tornare ad essere l’Atalanta, quella vera, quella che abbiamo fatto conoscere ai nostri tifosi e che in questi anni ha regalato partite emozionanti, soprattutto in casa”.

Anche per Daniele Baselli l’obiettivo è voltare in fretta pagina e anche lui ha fiducia che contro il Napoli la squadra saprà riscattarsi immediatamente. “Dobbiamo lasciarci alle spalle in fretta la brutta partita di Udine – ha detto il giovane centrocampista nerazzurro – e provare a rimediare subito contro il Napoli. Abbiamo l’opportunità di giocare in casa, davanti al nostro pubblico e dobbiamo rifarci subito innanzitutto con una bella prestazione. E sappiamo bene che dobbiamo fare di più e meglio rispetto alla gara con l’Udinese, perché così sicuramente non basta. In questo momento io dico che non dobbiamo nemmeno guardare la classifica, ma solo pensare ai nostri errori e a correggerli in fretta perché mercoledì torniamo in campo e abbiamo un’opportunità per rifarci».

Il numero 16 atalantino conferma che la sconfitta di Udine ha dato molto fastidio, ma anche che ci sono i mezzi per fare meglio. «Fa male perdere così, prendendo due gol già nel primo tempo. Non abbiamo approcciato la partita nel modo migliore. Alla fine della partita eravamo tutti molto arrabbiati, dal mister a noi giocatori. Penso sia normale esserlo. Abbiamo avuto un approccio come a Genova con la Sampdoria e c’è stato un passo indietro rispetto all’ultima partita. Prendere gol subito ci ha tagliato le gambe e il raddoppio ce le ha tagliate del tutto. Nella ripresa siamo rientrati in campo meglio, più aggressivi, ma abbiamo sfruttato poco le occasioni avute. E a quel punto era comunque troppo tardi con l’Udinese avanti di due gol. Dobbiamo migliorare nell’atteggiamento, perché alla fine sono queste cose che fanno la differenza, dobbiamo riuscire a essere più cattivi. E con il Napoli fare un’altra partita rispetto a Udine». In poche parole servirà la vera Atalanta per tornare a fare punti e rialzare subito la testa.

Fonte: Atalanta.it