shinystat spazio napoli calcio news Antonella Leardi: "Vedo ancora troppa violenza nel calcio, sono affranta per la decisione del Casms. Ho un sogno nel cassetto in ricordo di Ciro..."

Antonella Leardi: “Vedo ancora troppa violenza nel calcio, sono affranta per la decisione del Casms. Ho un sogno nel cassetto in ricordo di Ciro…”


La mamma di Ciro Esposito, Antonella Leardi, commenta sulla pagine de Il Mattino la decisione del Casms di vietare a trasferta napoletana ai tifosi della Roma. Ecco quanto riportato da SpazioNapolI.

La decisione del Casms era prevedibile, come l’ha accolta?
«Male, nel senso che mi dispiace per i veri tifosi. Me l’aspettavo, era prevedibile e forse anche inevitabile, ma i veri sostenitori
della Roma, come quelli del Napoli e di tutte le squadre, amano andare allo stadio. Sono amareggiata, un peccato vietare a loro la partita del San Paolo».

Il Comitato ha giudicato ad «altissimo rischio» Napoli-Roma proprio a seguito di quanto accaduto a maggio…
«Non tocca a me giudicare e rispetto molto coloro che hanno
preso questa decisione, assunta evidentemente perché i motivi
sono molto seri. Prevedibile pensare a una punizione dopo quello che è successo ma non è totalmente giusto, perché ci sono anche i tifosi per bene, come lo era Ciro. Sarà una sofferenza per i romanisti non venire al San Paolo come sarà lo stesso, immagino, per i napoletani all’Olimpico. Non è giusto che per un terrorista, perché è così che definisco l’imputato per l’omicidio di mio figlio, debbano pagare tutti i tifosi sani che ci sono a Roma».

È evidente che Lei non ce l’ha con i tifosi giallorossi?
«No, basti pensare che uno dei primi ragazzi che mi è venuto a trovare al “Gemelli” è stato proprio un romanista, che mi ha
regalato anche una sciarpa giallorossa. Ho amici romani, ho conosciuto in questi mesi molti romanisti per bene che mi hanno
espresso solidarietà e mostrato affetto. Non attribuisco mai allo
sport quanto accaduto. Purtroppo ci sono frange che usano lo stadio
per dare sfogo alla loro violenza e alle loro frustrazioni. Ecco perché c’è poi la paura di far incontrare le opposte tifoserie allo stadio».

Il suo messaggio continua a essere sempre lo stesso: pace e nessuna vendetta?
«Assolutamente. Questo odio nel calcio è ingiustificato, non si può
trasformare lo sport in una guerra. Ed invece sento e leggo che alcune tifoserie continuano a inneggiare all’eruzione del Vesuvio con cori beceri. È tutto triste, i napoletani non hanno mai fatto riferimento alle disgrazie di altre città. I tifosi dovrebbero godersi le partite senza queste divisioni, altrimenti di questo passo nessuno andrà più allo stadio».

Quale è il suo sogno?
«Sarebbe bello se tutte le squadre di calcio fossero gemellate,
innanzitutto quelle di Napoli e Roma. Ho letto che molti anni fa
lo erano, ho visto bellissime foto di scambi di bandiere. Il calcio
dovrebbe essere questo: ognuno è giusto che tifi per la propria
squadra, è normale che ci siano gli sfottò. Una volta finita la partita però tutto deve finire, magari con una stretta di mano e con una pizza insieme tra i tifosi di squadre diverse. Lo so, forse è un’utopia, ma bisognerebbe iniziare a fare qualcosa per provare ad arrivare a questo obiettivo».