shinystat spazio napoli calcio news Il rinnovo di Benitez sembra molto più vicino ma mancano ancora dei tasselli

Il rinnovo di Benitez sembra molto più vicino ma mancano ancora dei tasselli


Si parla spesso del turn over di Benitez, delle vacanze di Benitez, del mercato che ha fatto Benitez, delle scelte di Benitez, del temperamento di Benitez, dell’integralismo di Benitez e molto ma molto più raramente del rinnovo contrattuale di Don Rafè, ancora in fase di contrattazione. O almeno sembra. La verità, intesa come i fogli che aleggiano tra Roma e Castel Volturno, non è data saperla ma c’è chi giura in tempi molto più brevi per trovare l’intesa in caso di vittoria corposa e convincente contro l’Inter. Perché il filotto sarebbe servito, la crisi alle spalle, il pubblico riconquistato e le prime in classifica un tassellino più vicine. Si potrebbe ricominciare a ragionare ed ad agire con serenità e convinzione, buttandosi alle spalle il momento difficile delle scorse settimane.

Ma il rinnovo del tecnico azzurro non è solo legato ai risultati ed anche questo è certo. Servono rassicurazioni da ambo le parti, Napoli ed allenatore, sul progetto, sugli obiettivi futuri, sul prossimo passo da fare, magari insieme, per far crescere questa squadra ed arrivare al tanto agognato salto di qualità. Questa stagione infatti, resta ancora un grande punto interrogativo in fase di definizione e con tutta probabilità a gennaio si cercherà di limare qualcosa anche sul mercato. Intanto però, le parti si incontreranno per parlare di ciò che realmente serve al Napoli per colmare il gap con Roma e Juventus ed attentare allo Scudetto sin dalla prima giornata, insieme agli impegni d’Europa.

Ma non c’è solo la vetta o il mercato, elementi tra loro fortemente correlati. Per un grande progetto c’è bisogno di strutture, di un meccanismo perfetto in ogni tassello. La parola d’ordine è restyling: prima di Castel Volturno e poi del san Paolo (o volendo anche viceversa…) per ricreare l’atmosfera di club europeo che anche Benitez ha sempre sognato per il Napoli. Prima però,, il 22 dicembre c’è un altro importante appuntamento da non fallire: la Supercoppa italiana in Qatar contro la Vecchia Signora. E con un altro trofeo in bacheca che manca da tantissimi anni, parlare del futuro sarebbe molto più semplice per tutti.

RIPRODUZIONE RISERVATA