shinystat spazio napoli calcio news Dries Mertens in Nazionale per ritrovarsi e tornare a fare la differenza in azzurro

Dries Mertens in Nazionale per ritrovarsi e tornare a fare la differenza in azzurro


E’ tempo di Nazionali e ben lo sa Dries Mertens che è partito ieri alla volta del ritiro del suo Belgio, per la doppia sfida di qualificazione dei prossimi Europei. I Red Devils infatti, affronteranno venerdì sera l’Andorra tra le mura amiche ed il seguente lunedì la Bosnia. Due gare più che abbordabili per l’esterno del Napoli, che approfitterà di questo periodo di “sosta” dal campionato per ritrovare la migliore forma fisica e se stesso, per un prosieguo di campionato ad altissimi livelli, quelli ai quali aveva abituato i tifosi nella scorsa stagione.

L’inizio di stagione del belga infatti, non è stato al top: qualche prestazione non convincente, tantissimo turn over con Insigne e novanta minuti da standing ovation in Europa League contro lo Sparta Praga al “San Paolo” dove è stato autore di una bellissima doppietta. Soprattutto quando in campo dall’inizio in campionato, non ha mai reso al cento per centro, risultando più decisivo quando subentrato. Con Insigne in grande spolvero e cinico sotto porta, servirà il miglior Dries per ritagliarsi più spazio ma questa settimana con la Nazionale sarà importante proprio per ritrovare la condizione fisica e fiducia nei propri mezzi.

Mertens è sereno e fa bene: è solo un periodo di maggior appannamento ma le sue enormi qualità sono comunque ben visibili e sotto gli occhi di tutti. Con il Belgio però, ha un feeling particolare: la squadra di Wilmots, particolarmente giovane e compatta vanta tantissimi campioni quali Courtois, Vertonghen, Origi, Hazard, Mirallas, Fellaini, De Bruyne, Kompany, Defour, Vermaelen e tanti altri campioni in crescita, che giocano l’uno per l’altro con enorme spirito di sacrificio. Un monito che ha appreso anche nel Napoli con lo “spalla a spalla” di Benitez e che gli sarà molto utile per tornare a brillare come un tempo, per trascinare gli azzurri sempre più in alto in classifica.

Alessia Bartiromo
RIPRODUZIONE RISERVATA