shinystat spazio napoli calcio news Fonseca: "Pipita, fai come me! A Valencia feci cinque gol, mentre al San Mamés..."

Fonseca: “Pipita, fai come me! A Valencia feci cinque gol, mentre al San Mamés…”


Daniel Fonseca, ex attaccante del Napoli, ricordato (tra le altre prodezze fatte in azzurro) per i cinque gol rifilati al Valencia in Spagna, ha rilasciato un’interessante intervista a Il Mattino in vista della gara di ritorno tra Athletic Bilbao e Napoli.

Che notte quella notte, ricorda Fonseca?

«È trascorso un tempo enorme ma quella è stata la notte più importante della mia carriera. E la più bella. Ci vollero settimane e settimane per rendermi conto di quello che avevo fatto, ora lo posso dire: fu un’impresa».

Era il Napoli del 1992 con Ranieri in panchina che aveva avviato la ricostruzione post-maradoniana. Coppa Uefa, match di andata al Mestalla di Valencia, un ambientino niente male

«Ce l’avevano tutti con me già prima che iniziasse la sfida. Mi accolsero al grido di “pesetero, pesetero”, che vuol dire mercenario. Il Valencia mi voleva a tutti u costi ma io scelsi il Napoli, gli spagnoli non me lo perdonarono».

E in campo arrivò la tremenda vendetta

«Sinceramente non so fino a che punto mi gasai per quella contestazione.Non ascoltavo i loro fischi, volevo solo fare un gol per la
mia squadra».

Esagerò, ne fece addirittura cinque

«Uno nel primo tempo e quattro nella ripresa, nel giro di venti minuti.Ogni pallone che toccavo finiva in rete, una cosa incredibile».

Compagni d’attacco erano anche un certo Careca e un certo Zola…

«Niente male come tridente, eh? Careca fu fantastico, sfornava assist a ripetizione e creava spazi nei quali io andavo a nozze perché gli spagnoli attaccavano a testa bassa. Più prendevano gol e più venivano avanti».

Il ricordo più divertente di quella serata?

«Due. C’era un’orchestrina piazzata in un angolo del campo che suonava ininterrottamente per dare la carica agli spagnoli. Smise
dopo il mio quarto gol…  E poi la faccia di mio nonno Rogerio, che viaggiò con me in quella trasferta. A fine partita mi disse: ma hai
capito bene cosa hai combinato stasera?»

Lei disinnescò la polveriera del Mestalla, adesso il Napoli andrà nell’inferno del San Mamés

«Quello è un campo tosto, la gente mette pressione ma la squadra azzurra non è fatta di ragazzini. C’è gente nella formazione di Benitez abituata ai grandi palcoscenici internazionali e che sa affrontare certe situazioni».

L’1-1 del SanPaolo è penalizzante?

«Non è il risultato ideale. È stata una partita strana, il Napoli ha giocato bene il primo quarto d’ora e gli ultimi venti minuti. Ha
rischiato di perdere e di subire il secondo gol fino a un certo punto, poi dopo poteva segnare anche tre reti».

Intanto s’è nuovamente interrotto il feeling tra Insigne e la tifoseria

«Napoli è una piazza esigente e lui è ancora molto giovane. La tensione di una gara, soprattutto quando stai perdendo e devi
rimontare, gioca brutti scherzi. Lorenzo deve ritrovare la tranquillità e giocare semplicemente come sa, senza voler strafare a tutti i costi. È napoletano e la gente si aspetta sempre qualcosina in più ma tutto sommato sono fischi d’amore».

Come la mettiamo adesso a Bilbao?

«Bisogna fare un gol subito, possibilmente prima dei baschi e mettere la partita in discesa. Non credo che loro giocheranno per lo
zero a zero, proveranno a comandare il gioco perché queste sono le caratteristiche. Sarà fondamentale reggere in difesa e mantenere anche lo zero a zero, tanto i lNapoli prima o poi il
golletto lo fa».

Se poi Higuain fa il Fonseca…

«Non ci tengo ai record, prima o  poi arriverà qualcuno che farà meglio.Ma a Gonzalo basterebbe una semplice doppietta per
accompagnare il Napoli in Champions».