shinystat spazio napoli calcio news Cresce la febbre Champions, già venduti 35000 biglietti

Cresce la febbre Champions, già venduti 35000 biglietti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sarà tutto esaurito. O giù di lì. Facile da prevedere, anche se si tratta di una serata d’agosto e gran parte dei tifosi è ancora in giro tra spiagge e località di mare. È la Champions, anche se solo il preliminare. Venduti già 35mila biglietti, di sicuro verrà nuovamente sfondato il muro dei 50mila. Ora, però, è qualcosa in più: la via della sopravvivenza. Sopravvivenza di un modello gestionale che si è poderosamente imposto e che ora in Italia trova solo imitatori.

Camminare con le proprie gambe: questa è la missione di De Laurentiis che tra plusvalenze da favola e uscite che non devono mai superare le entrate – ci sta riuscendo a suon di risultati di bilancio. Il castello costruito sin qui, tuttavia, può restare più saldamente in piedi a patto che i playoff con l’Athletic Bilbao vengano superati. Non si tratta solo di soddisfare i tifosi, ma anche e soprattutto, dal punto di vista societario, di perpetuare l’autosufficienza finanziaria e di mantenere, in questa maniera, al top il posizionamento del marchio Napoli.

I conti, d’altronde, sono facilissimi da fare e ormai persino ben noti a tutti: la doppia partita vale almeno 30 milioni. Oltre agli 8,6 che arriverebbero per l’ingresso nei gruppi(come extra 1 milione a vittoria e 500 mila a pareggio), c’è soprattutto il market pool, cioè la quota dei diritti tv dipendente dai singoli Paesi. L’enorme valore del mercato italiano, grazie ai soldi spesi da Sky e Mediaset per trasmettere le dirette, e la presenza massima di tre nostre squadre anziché quattro fanno sì che questa voce ammonti a circa 20 milioni. Senza dimenticare, poi, tutto l’indotto azzurro, dal botteghino agli sponsor: il montepremi in palio è comunque fondamentale per il futuro azzurro. Non solo nell’immediato, vedi sotto la voce acquisti ma anche per gettare le basi sulle operazioni del futuro.

E sarebbero una magrissima consolazione i (minimo) 4 milioni di “scivolo” in Europa League che si sa, almeno fino ai quarti di finale, porta solo stadi vuoti e spese che non riescono quasi mai a compensare le entrate. Insomma, tutto esaurito per spingere il Napoli verso l’approdo alla terza partecipazione alla fase a gironi della Champions negli ultimi quattro anni. Martedì sera ci saranno almeno 50mila spettatori: sono ormai quasi del tutto andati a ruba i tagliandi per le curve e i distinti e nelle ultime ore anche la scorta per la tribuna Nisida si sta velocemente esaurendo. Il San Paolo sarà una bolgia, come lo sarà il San Mames sette giorni dopo.

Fonte: Il Mattino

Preferenze privacy