shinystat spazio napoli calcio news Comunque vada il sorteggio, il diktat in casa azzurra è superare il preliminare di Champions

Comunque vada il sorteggio, il diktat in casa azzurra è superare il preliminare di Champions


 

Comunque vada sarà un successo. Anzi, dovrà esserlo, senza se e senza ma. Ben lo sa il Napoli che oggi alle 12 circa vedrà più chiaramente il suo destino che dipenderà dal bussolotto estratto a Nyon. Si decideranno tra qualche ora infatti, gli accoppiamenti per il prossimo preliminare di Champions League, appuntamento importantissimo per la truppa di Benitez che, poco dopo la metà di agosto, sarà chiamata alla prima vera prova di forza stagionale.

Cinque le possibili candidate avversarie degli azzurri che partono da testa di serie ma, nomi a parte, il diktat in casa partenopea è più che chiaro: vincere ed approdare alla fase a gironi per riscattarsi da uno scorso anno più che sfortunato. Senza se e senza ma, si diceva prima ed è un perfetto riassunto della situazione alquanto delicata: perché sbagliare e perdere la doppia sfida vorrebbe dire valutare la stagione già fallimentare da fine agosto. Vorrebbe dire buttarsi a capofitto sull’Europa League e lo Scudetto, entrambe da vincere. Anche loro senza se e senza ma, appunto. Vorrebbe dire dover dare un’altra bella sterzata in extremis al mercato perché qualcosa non ha funzionato. Vorrebbe dire ricominciare tutto in maniera diversa, sia emotivamente, che psicologicamente e fattivamente.

I giocatori sono carichi ma qualche insidia resta: avversarie preparate ed ugualmente con il coltello tra i denti, tanti giocatori importanti ma reduci dal Mondiale e non al top della forma fisica, un mercato ancora da completare e che non consente alla lista Uefa di essere già completa, una preparazione atletica ancora in divenire. Dal rovescio della medaglia la grandissima voglia di riscatto, il pubblico del “San Paolo” pronto alle notti magiche d’Europa ed una squadra che è fortemente maturata rispetto allo scorso anno, coesa, ambiziosa e tatticamente più preparata. Insomma, qualunque sia il responso del bussolotto, ci affidiamo sempre e solo ad Hamsik e compagni: alla conquista di un sogno e di un altro tassello per raggiungere traguardi importanti. In bocca al lupo, Napoli, e che sia un buon “bussolotto”.