Home » Copertina Calcio Napoli » Le pagelle di Barcellona-Napoli: prima vittoria degli azzurri contro i catalani

Le pagelle di Barcellona-Napoli: prima vittoria degli azzurri contro i catalani

Rafael 7: Ottimo primo tempo per il brasiliano, due uscite basse a sventare altrettante occasioni per i catalani e attenzione sulle palle inattive. Nella ripresa ancora molto attento ed esibisce anche un paio di interventi spettacolari, in crescita.

Maggio 6: Parte un po’ contratto, poi riprende confidenza con la fascia offrendo un buon contributo in fase difensiva. Mesto 6: Come già con il PAOK impiega diversi minuti a entrare nel clima partita e sbaglia una chiusura, poi si riprende e non concede più molto.

Albiol 6,5: Gli sguscianti attaccanti blaugrana richiedono massima attenzione e Raul chiude e spazza senza complimenti i palloni insidiosi. Luperto 6: Poco tempo per farsi apprezzare, ma è sempre ordinato tenendo bene la linea.

Koulibaly 7: Come il compagno di reparto mette in campo attenzione e cattiveria al punto giusto, non concede regali ed è attento ai tagli degli esterni avversari. Continua la sua crescita e francamente sembra già adesso una certezza.

Britos5,5: Si impegna come già nelle ultime gare ma soffre e molto la differenza di passo con il diretto avversario, a peggiorare le cose è spesso fuori posizione. Ghoulam 6: Certamente meglio dell’ultima partita, ma la sua corsa non è ancora fluida. Forse ha ancora le gambe un po’ pesanti, ma non fa mancare il suo appoggio in avanti.

LEGGI ANCHE:   Napoli-Raspadori: nuova offerta degli azzurri: si attende la risposta del Sassuolo

Jorginho 6,5: Inizia con un contrasto falloso su Sergio la sua partita, non rifugge il contatto fisico senza dimenticare di impostare, due i palloni deliziosi serviti ai compagni e non sfruttati. Inler 6: Gioca con sicurezza l’ultima mezz’ora facendo valere la sua esperienza tra i giovani blaugrana, un’utile sgambata.

Gargano 6: Corsa, pressing e palloni recuperati, e fin qui è tutto già noto per Walter, però annotiamo anche precisione nei passaggi e una verticalizzazione perfetta per giunta col piede mancino. Nella ripresa continua il suo lavoro sporco, ma con la fatica arrivano i vecchi vizi: passaggi forzati ed errori. Dzemaili 6: Entra con voglia e segna il gol vittoria in collaborazione col portiere avversario. Nel finale per due volte cincischia col pallone tra i piedi davanti all’area di rigore, sbagliando.

Callejon 6,5: Si trova a duellare con Jordi Alba sulla fascia destra, ma riesce ugualmente a ritagliarsi gli spazi per correre tagliando verso l’area avversaria senza però trovare il colpo vincente. Zuniga 6: Anche in posizione di esterno alto offre garanzie e probabilmente è una soluzione che Benitez utilizzerà spesso in stagione a gara in corso.

Hamsik 6,5: Cerca di restare sempre nel vivo dell’azione cucendo il gioco verso gli esterni, trova anche una splendida conclusione di testa sventata in tuffo dal portiere Bravo. Vargas 6: Subentra nel finale di partita e non tocca molti palloni, ma li gioca con intelligenza conquistando falli per far rifiatare i compagni.

LEGGI ANCHE:   Frenata Petagna-Monza: si allontana Simeone!

Insigne 6,5: Manca il gol in avvio su una palla sporca, cerca poi l’assist per i compagni. Montoya non riesce a limitarlo granché, nella prima frazione serve un cross quasi perfetto per Duvan che manca l’incornata per pochi centimetri. Mertens 6: Frizzante come sempre, entra in campo con la solita energia ma la partita è ormai calata d’intensità e quindi non incide molto.

Duvan 6: Combatte per tutta la prima frazione a spallate con Pique e Bartra, non esattamente due fuscelli, conquista punizioni interessanti e manca di poco l’appuntamento con il gol. Michu 6,5: Condizione in decisa crescita per lo spagnolo che stasera oltre alle sponde di testa si offre anche per far girare il gioco con il suo preciso mancino. Apprezzabile una corsa indietro di 50 metri per chiudere un attacco catalano.

Benitez 6,5: Continua a distribuire minuti e continua nel lavoro di messa a punto della fase difensiva, nei primi 60′ di test più probante gli azzurri concedono poco agli avversari creando più di un grattacapo alla difesa avversaria. Fiducia in crescita.