shinystat spazio napoli calcio news Cresce l'attesa per Napoli-Barcellona, a Ginevra verso il tutto esaurito

Cresce l’attesa per Napoli-Barcellona, a Ginevra verso il tutto esaurito


Che lo si traduca in francese, tedesco o inglese, il significato in
italiano è sempre lo stesso: tutto esaurito. Il Napoli richiama le
grandi folle anche a Ginevra e il 6 agosto i trentamila posti dello “Stade de Geneve” saranno tutti occupati per la gioia di Filippo Salvi, direttore generale del Servette, la formazione elvetica che organizza l’incontro contro il Barcellona. Incasso previsto di 2,5 milioni di euro e Salvi, originario di Cuneo ma ormai saldamente sulla tolda di comando del Servette si frega le mani. «Certo, io sono uno di quelli più contenti –
ride– ma questa amichevole si innesta in una più ampia politica di
accoglienza della città di Ginevra».

Tutto nasce dall’avvento di Hugh Quennec alla guida della
società elvetica. «Siamo al centro della Svizzera, siamo una città internazionale, con un aeroporto importante, tranquilla ed amiamo il calcio. Su queste premesse abbiamo lanciato il brand di Ginevra con location ideale per amichevoli internazionali. Lo Stade de Genève ha già ospitato Brasile-Italia, Brasile-Cile ed ora
Barcellona-Napoli. Per quest’ultima abbiamo venduto ad oggi
20.000 biglietti ma faremo il tutto esaurito».

Prezzi non proprio popolari. Esauriti quelli da 40 euro, restano tagliandi che vanno da 80 a 160 euro. «Gli abitanti di Ginevra forse andranno anche in ferie ma il nostro spirito è attrarre all’impianto tifosi di calcio al di là della loro fede calcistica». Ad aiutare l’organizzazione anche le ultime dichiarazioni di Luis Enrique. «Il Napoli è una squadra
piena di spagnoli –ha detto -con in panchina Rafa Benitez. Negli
ultimi anni si è rinforzato molto ed è tra le favorite per la vittoria dello scudetto, uno stimolo in più per far bene».

Dal Servette una speranza. «Avere Inler in campo sarebbe un bello spettacolo per tutti gli svizzeri». Sul Sito del Servette si lancia la partita: «Messi, Iniesta e Inler allo stadio di Ginevra». E giù qualche dichiarazione. Luis Enrique giura di schierare la migliore formazione, Benitez parla di un test importante in chiave Champions League, Hamsik promette spettacolo. Infine una nota statistica. Il Napoli a Ginevra torna a distanza di quasi cinquanta anni. Nel 1966 vinse 3-1 in Coppa delle
Alpi con reti di Cané, Bean e Montefusco.

FONTE Il Mattino