shinystat spazio napoli calcio news MARCA - Callejon: "Napoli è la squadra perfetta per me, con Benitez ho un'intesa particolare. L'obiettivo? Lo Scudetto ed un'ottima Champions"

MARCA – Callejon: “Napoli è la squadra perfetta per me, con Benitez ho un’intesa particolare. L’obiettivo? Lo Scudetto ed un’ottima Champions”


Il fuoriclasse del Napoli Josè Maria Callejon ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Marca. Ecco quanto tradotto da SpazioNapoli.

Pochissime sbavature nella prima stagione al Napoli ed in serie A. Speravi in un esordio italiano così importante?
“E’ stato un anno molto importante per me. Non era facile arrivare in una squadra ed in un paese nuovo dove non si conosce nessuno però Benitez mi chiamò e mi convinse subito. Da quel momento ho iniziato a lavorare e con tanto spirito di sacrificio e dedizione mi sono immerso quanto prima nelle nuova realtà. Sono molto contento di come sono andate le cose”.

Hai centrato in pieno il tetto di gol che aveva previsto Benitez per te, pronosticando dalle 15 alle 20 marcature. Che traguardo vuoi raggiungere per la prossima stagione?
“Il mio obiettivo è sempre dare il massimo e superarmi rispetto a quanto fatto in precedenza. Spero lo tesso anche per il prossimo anno, anche se la scorsa è stato un campionato davvero ottimo e non sarà facile superare le 20 reti personali”.

Hai dichiarato qualche settimana fa che il tuo sogno è una finale di Champions tra Napoli e Real Madrid. Secondo te la tua squadra ha le potenzialità per arrivare così lontano?
“Un sogno non è mai qualcosa di irraggiungibile ma dobbiamo essere realisti. In Europa al momento ci sono squadre davvero molto blasonate e preparate e bisogna avere alle spalle una preparazione ottima ed una rosa molto competitiva per puntare alla finale. Con il Napoli giocheremo le due gare dei preliminari prima dei gironi: ciò che posso assicurare è che daremo il massimo per accedere alla fase successiva, poi vedremo cosa succederà”.

I tifosi invece, sognano lo Scudetto che manca dal 1990. Credi sia possibile conquistare questo traguardo?
“Stiamo lavorando per provare a vincere lo Scudetto. La scorsa stagione iniziammo davvero bene, giocammo le prime 14 gare al top ma non riuscimmo poi a mantenere il ritmo tra Champions, Coppa e campionato. Quest’anno puntiamo alla continuità di rendimento e risultati, evitando gli alti e bassi e provando a subire meno reti”.

Ha ricevuto un’offerta stellare dall’Atletico Madrid che il Napoli ha rifiutato. Dove giocherà la prossima stagione?
“Ho un contratto con il Napoli che non voglio e non intendo disattendere. Il passo difficile è stato andar via dal Real Madrid, cambiare tutto e sbarcare in Italia ma ora sto benissimo e sono davvero contento. Ho la fiducia dello staff e dei tifosi, che mi sostengono costantemente. Voglio restare qui, dare il massimo e vincere ancora tantissimo con questa maglia”.

Il prezzo del suo cartellino è triplicato nell’ultimo anno. E’ motivo di orgoglio?
“E’ ovvio che qui a Napoli mi sento importante, faccio parte del progetto, gioco titolare e rendo bene. Quando poi c’è la stima del club, la fiducia del tecnico e l’appoggio dei tifosi, è chiaro che sono felice perché il quadro è completo”.

Benitez e Mourinho sono entrambi stati suoi allenatori. Sono così diversi come tecnici?
“Sono sicuramente due vincenti. Hanno svariate differenze ed alcune affinità ma sono tra i migliori allenatori del Mondo. Entrambi hanno preso il meglio da me facendomi migliorare tantissimo ed è grazie a loro che adesso sono a questi livelli”.

Benitez è andato persino oltre, facendola esprimere al meglio. Qual è il segreto?
“Con Benitez c’è un’intesa particolare e fantastica. Mi ha dato ciò che per un calciatore è fondamentale: rigore, stima, fiducia, continuità”.

Si parla di una rivoluzione dopo il flop della Spagna al Mondiale. Spera in una convocazione per l’inizio del nuovo ciclo?
“Dicono che la speranza sia l’ultima a morire. Sarebbe bellissimo giocare con la Nazionale ma la concorrenza è tanta, inutile negarlo. Posso solo continuare a lavorare al massimo con il Napoli, poi ciò che verrà sarà tanto di guadagnato”.

Come ha vissuto la vittoria della decima del Real Madrid?
“Da tifoso sono molto contento, hanno una squadra stellare ed hanno disputato una Champions fantastica, l’hanno meritato. Anche in finale non c’è stata storia, nonostante l’Atletico sia una rivale di tutto rispetto, vincitrice della Liga”.