shinystat spazio napoli calcio news Lazio, fatta per De Vrij. Contratto quinquennale per il centrale olandese

Lazio, fatta per De Vrij. Contratto quinquennale per il centrale olandese


Stavolta ci siamo: l’olandese De Vrij è un giocatore della Lazio. La notizia, rimbalzata dall’Olanda, è stata ufficializzata sul profilo twitter del club biancoceleste: “Stasera in aeroporto e domani visite mediche. Benvenuto a Stefan de Vrij, miglior difensore ai Mondiali in Brasile”. In mattinata era stato il sito del quotidiano ‘Telegraaf’ ad annunciare l’accordo con il Feyenoord: “L’accordo è stato raggiunto per 8,5 milioni”. De Vrij sbarcherà alle 22.35 all’aeroporto di Fiumicino, martedì mattina svolgerà le visite mediche presso la clinica Paideia e nel pomeriggio firmerà il contratto con la Lazio per i prossimi cinque anni a 1,2-1,3 milioni a stagione.

DE VRIJ ALLA LAZIO: FIRMERÀ PER CINQUE ANNI – Un gran colpo per il club biancoceleste, che va a oscurare parzialmente la figuraccia rimediata nella trattativa Astori: la missione a Rotterdam di Tare è partita venerdì e il ds della Lazio è rientrato in Italia domenica con in mano l’accordo con il Feyenoord. Il nazionale dell’Olanda, eletto miglior difensore del Mondiale in Brasile, è sempre stato considerato dalla Lazio come il primo obiettivo per rifondare la retroguardia. I contatti con lui sono iniziati oltre due mesi fa e il ragazzo a maggio è già stato nel centro sportivo di Formello: in quell’occasione aveva trovato un’intesa con la Lazio, ma il Feyenoord – cui la società biancoceleste offriva 5,5 milioni – aveva preferito rinviare la decisione al termine del Mondiale sperando di poter creare un’asta e monetizzare il più possibile dalla sua cessione. Missione compiuta: nella corsa per De Vrij – complice anche le ottime prestazioni del centrale in Brasile – si sono inseriti Manchester United, Southampton e Schalke04, facendo lievitare il costo del cartellino a poco meno di 10 milioni. La Lazio ha superato la concorrenza e lo ha acquistato mettendone sul piatto circa 8,5. 

Fonte: Repubblica.it