shinystat spazio napoli calcio news Il punto sulle cessioni: tanti azzurri pronti a salutare Napoli

Il punto sulle cessioni: tanti azzurri pronti a salutare Napoli


Bigon deve fare i conti con una rosa ampia: oltre venti giocatori in prestito ed altri esuberi da piazzare. “Non ci saranno rivoluzioni – ha spiegato il ds azzurro al Corriere dello Sport – abbiamo però una lista per ogni ruolo”. E gli acquisti, si sa, richiedono cessioni. A partire dalla difesa. Miguel Britos andrà via, non c’è più spazio per lui in questo Napoli. Dopo l’acquisto di Koulibaly sono ben cinque i difensori centrali. Albiol, Henrique e Fernandez sono al centro del progetto, l’uruguaiano, invece, non ha convinto Benitez. Partito come possibile titolare all’inizio della stagione, è finito man mano ad accomodarsi sempre più spesso in panchina. Interessa soprattutto in Spagna, ma non è esclusa una permanenza in Italia, in club di media classifica. Da risolvere anche la questione Zuniga e valutare Maggio. Il terzino vicentino spinge per il rinnovo, il Napoli non sembra intenzionato a discutere di prolungamento di contratto. Sicuramente tra i laterali difensivi qualcosa cambierà.

Il centrocampo sarà il reparto più rinnovato. Inler e Jorginho i punti fermi da cui ripartire, Behrami e Dzemaili cambieranno aria. Il primo è nel mirino dell’Inter. Mazzarri lo vuole, forse lo avrà. L’ex mediano del Parma ha tanti estimatori all’estero. Soprattutto in Germania, Borussia M’Gladbach in primis. Potrebbe andar via anche Radosevic, che ha trovato poco spazio – 138 minuti – per giocare con maggiore continuità. Deciderà Benitez, così come ha fatto lo scorso anno. “Volle confermarlo perchè gli piaceva molto”, ha dichiarato qualche tempo fa il suo procuratore in esclusiva a Spazionapoli (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO)

In avanti le situazioni più spinose. Zapata ha convinto il tecnico spagnolo, ma piace a mezza serie A. Non è escluso un suo prestito. Sampdoria, Torino e Udinese le società che si sono fatte avanti con maggiore interesse. Pandev è il punto interrogativo più grande. Ancora un anno di contratto con il club azzurro e nessuna proposta di rinnovo. Le sirene del Tottenham squillano.

Andrea Gagliotti
Riproduzione riservata