shinystat spazio napoli calcio news Il primo rinforzo per Rafa è il gigante Koulibaly

Il primo rinforzo per Rafa è il gigante Koulibaly


«Il primo colpo è vicino», annuncia il direttore sportivo Bigon a Radio Kiss Kiss. E in pomeriggio si sofferma a parlare una decina di minuti a bordo campo al San Paolo con il presidente De Laurentiis, appena rientrato da Los Angeles, e con Rafa Benitez. Un breefing volante di mercato. Il colpo vicino è quello di Koulibaly,il gigante francese del Genk, affare praticamente concluso, manca solo l’ufficializzazione per l’arrivo del 23enne difensore di colore. Benitez sul discorso mercato prova a glissare. «Cerchiamo giocatori di qualità che possano capire il calcio e migliorare la rosa: non è facile, lavoriamo». Poi ci concede una battuta per confermare l’arrivo imminente di un neo acquisto. «Riccardo ha detto che qualcuno è più vicino? Dire che il prossimo giocatore s’avvicina è giusto,perchè passando i giorni si avvicina l’arrivo…». Una cosa è sicura. Rafa è già al lavoro per per la prossima stagione: legato ancora da un anno di contratto con il Napoli spiega la sua filosofia. «Guardo sempre al lavoro pensando di rimanere dieci anni in una squadra, ogni decisione che prendo è buona per la società». Il tecnico spagnolo alla vigilia dell’ultimo match di campionato, quello di stasera a porte chiuse al San Paolo (salvo la deroga per l’accesso di 10mila bambini nei distinti) ribadisce l’aspetto che si dovrà migliorare la prossima stagione per puntare ancora più in alto.«Ho parlato con un giocatore della mentalità e della continuità della squadra: tante partite le abbiamo giocate bene ed è stato un peccato che qualche prova ha cambiato la sensazione di una stagione fantastica. Dobbiamo migliorare la cattiveria, serve questa oltre ai giocatori di qualità per diventare ancora più forti».

E nel processo di crescita della società Benitez ribadisce l’importanza delle strutture. In questi giorni partiranno i lavori di manutenzione ai campi di Castel Volturno, tanto è vero che la Summer Camp sarà spostata in un’altra sede. «Ho avuto due riunioni con il presidente, Chiavelli, Bigone Formisano per preparare quello che dobbiamo fare: a Castel Volturno c’è già stato qualche miglioramento, ora mi aspetto di più: si lavorerà per rifare i campi e creare qualche cosa nuova. Se tutto procede ci sarà un altro passo avanti non per me ma per la società: sono cose positive che possono attrarre giocatori.

Soddisfatto per la stagione,anche se qualche rimpianto c’è, soprattutto per il campionato. «Contro la Roma, all’andata, abbiamo avuto diverse occasioni prima di subire un gol ed un’espulsione. Dopo quella partita abbiamo perso un po’ di fiducia, mentre avremmo potuto averne ancora di più se fosse finita diversamente. Il calcio vive di questi episodi, ma quando finisci in classifica con 12-15 punti avanti, come hanno fatto Juventus e Roma, vuol dire che lo hai meritato». Rafa fa una sorta di pagellone finale.Promuove tutti, due in particolare: Callejon e Mertens. «Al primo anno il loro livello è stato molto alto e forse nessuno se l’aspettava. Reina, Albiol e Higuian, erano già attesi. Insigne è cresciuto molto, si è impegnato e ha grandi qualità». Ora 13 azzurri vanno ai Mondiali. «Se arrivano in finale sarà buono per loro e un po’ meno per noi, se lasciano dopo la fase di gruppo sarà più facile per noi e loro saranno meno soddisfatti».La chiosa di Rafa.

Fonte: Il Mattino