shinystat spazio napoli calcio news Agguerrito e alla ricerca di uno storico obiettivo. Ecco come si presenta il Verona per la sfida contro il Napoli

Agguerrito e alla ricerca di uno storico obiettivo. Ecco come si presenta il Verona per la sfida contro il Napoli


Il Napoli chiude ufficialmente la stagione agonistica questa sera alle 20.45 nell’ultimo match della Serie A 2013/2014. Ad attendere gli azzurri ci sarà il sorprendente Verona, vera e propria rivelazione di questo campionato. Partiti con il solo obiettivo di confermare la categoria, gli scaligeri trascinati dai gol di Luca Toni si sono resi protagonisti di una stagione inaspettatamente positiva ed, in virtù dei 54 punti conquistati, si trovano ora a lottare per la conquista di un posto in Europa League insieme con il Torino (56), il Parma (55) e il Milan (54).

Le motivazioni, dunque, penderanno totalmente dalla parte dei veronesi in quella che sarà per loro una sfida delicatissima. Gli uomini guidati da Andrea Mandorlini calcheranno il prato del San Paolo con il coltello tra i denti, a caccia di tre punti preziosi, cercando di buttare il cuore oltre l’ostacolo, andando oltre se stessi, l’avversario ed il fato. Il Verona, infatti, ha un solo modo per credere nella qualificazione: battere il Napoli. Ma un successo contro gli azzurri potrebbe non essere sufficiente.

Statistiche alla mano, il Verona è la squadra che ha meno possibilità di andare in Europa League tra le compagini in lotta. Non solo ha un unico risultato a disposizione, la vittoria, ma deve sperare che le dirette contendenti non facciano risultato. Questo lo scenario: il Verona guadagna l’Europa in una solo occasione, vale a dire se il Torino perde e Milan e Parma non vanno oltre un pareggio. Difficile, e molto, che si verifichino simultaneamente tali eventualità ma il Verona si presenta alla sfida contro il Napoli con la volontà di fare bene e le motivazioni per la conquista di una qualificazione che avrebbe echi storici.

Un ultimo appuntamento non facile, quindi, per il Napoli di Rafa Benitez già pago di una stagione positiva culminata con la conquista della Coppa Italia il 3 maggio contro la Fiorentina. C’è da tenere a bada una squadra più che motivata se si vuole dare un ultimo sorriso ai tifosi azzurri che anche domani affolleranno gli spalti del San Paolo per dare l’arrivederci ai propri beniamini.

Antonio Allard

RIPRODUZIONE RISERVATA