shinystat spazio napoli calcio news La rivoluzione Napoli parte dal basso, De Laurentiis e Benitez puntano alla consacrazione definitiva

La rivoluzione Napoli parte dal basso, De Laurentiis e Benitez puntano alla consacrazione definitiva


Le rivoluzioni si fanno dal basso: e in quel sottoscala, né un filo d’aria e né di luce, spuntò Aurelio De Laurentiis. Ciak, si girò pagina: e non c’erano – apparentemente – orizzonti da inseguire, né percorsi prestabiliti; ma un futuro fuligginoso d’una estate avvelenata dal fumo d’una ottantina d’anni in fiamme. Dov’eravamo rimasti? L’agosto del 2004, il caldo opprimente, il cielo infuocato e gli echi d’una rivolta (silenziosa) d’una città bruciata dentro: la Storia finiva lì, a Castelcapuano, tra i roghi (mica simbolici) del Fallimento, le ceneri d’un club scomparso dalla mappa, la cruda disperazione di sei milioni di tifosi sparsi nel mondo, le uova lanciate su Carraro e buchi ovunque nei bilanci ormai consegnati alla Curatela. Rinascere fu un capolavoro imprenditoriale, però quell’idea era in gestazione e non poteva scorgersi (allora) il mutamento genetico d’una società che avrebbe puntato in alto senza compromessi, riscrivendo la contrattualistica a modo suo, demolendo l’abitudine di concedere i diritti d’immagine ai calciatori, sposando il fair play finanziario, importando dunque un modo nuovo di fare football ed andando a scavare in fondo al sacco dei diritti tv per cogliere nuova linfa per il movimento.

SCACCO MATTO. Il sistema rovesciato in dieci anni è nella evoluzione della specie d’un Napoli che esce dalla normalità nella quale è stata costretta dai limiti del suo stesso status, dalle difficoltà (perenni) di una economia che inevitabilmente si riflette sul calcio: lo scudetto – e dunque la belle epoque – sono racchiusi nel settennato di Maradona, in quel filone aureo spigionato dalla coscienza tecnica più elevata che sia stato generato: altrimenti, c’erano – e ci sarebbero state – vampate occasionali, l’era di Lauro, qualche coppa, poi l’oblio.

E’ NATA UNA STAR. Il Napoli del Terzo Millennio è entità concreta, stabilmente in lotta tra gli eletti, s’è preso due volte il palcoscenico della Champions, insegue i preliminari di quell’Europa che trascina tra le stelle, ha goduto d’un capocannoniere come Cavani – centoquattro reti in tre stagioni – s’è accomodato al tavolo delle Grandi, ha rotto gli argini (quasi un embargo strutturale, socio-calcistico) ha acquistato dal Real Madrid e dal Liverpool, ha espresso una sua filosofia vincente nel primo quinquennio (quella con Marino alla direzione generale) e un’altra ne ha sviluppata successivamente, che stavolta attraverso Benitez e Bigon insegue una dimensione ancor più universale ed una legittimazione definitiva che accresca (eventualmente, ulteriormente) il quadriennio di Mazzarri, passato a inseguire a Milano.

NESSUNA RITROSIA. Dieci anni per partire da zero, dal nulla, e poi ritrovarsi con investimenti (non il saldo, ovviamente) di trecento milioni circa, una massa di danaro (enorme) per essere competitivi, passando dalle scoperte di Lavezzi ed Hamsik, alle succose sfide per avere Cavani, all’entusiasmante blitz per portarsi al “San Paolo” Higuain e Reina, alle scommesse (alla distanza vinte) con Fernandez e pure con Henrique, Jorginho e Ghoulam. E via via sono state rimosse barriere (inevitabili all’epoca) che hanno elevato il tetto degli ingaggi: dieci anni fa, e non sembri ieri, lo scenario raggelante per quella città da sempre con la testa nel pallone era appiattito sulla riformulazione d’una esistenza, sull’esigenza vitale di darsi almeno un corpo; poi è venuta fuori l’anima e s’è compreso il progetto, in genere un abuso linguistico, stavolta un concetto concreto e moderno modulando la propria filosofia aziendale e adeguandola alle esigenze.

FONTE Corriere dello Sport

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl