shinystat spazio napoli calcio news L'inno rap del Napoli affidato a Clementino: "E' già pronto, manca solo l'ok del presidente De Laurentiis"

L’inno rap del Napoli affidato a Clementino: “E’ già pronto, manca solo l’ok del presidente De Laurentiis”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ieri su queste pagine Rocco Hunt, nel ringraziare Aurelio De Laurentiis per l’invito a scrivere un inno rap per il Napoli, aveva rifiutato dicendo: «Non sono un tifoso». Per suggerire, poi, al presidente: «Senta Clementino e ‘Nto, loro sono perfetti per infiammare il San Paolo». Ma il loro «aspirante inno» i duo capocannonieri dell’hip hop newpolitano l’hanno addirittura già scritto, insieme con i Sangue Mostro – supergruppo old school in cui militano Speaker Cenzou, Dj Uncino, Ekpso e Ale Zin – e Emiliano Pepe. È forte, «spacca», spiega Clementino facendolo ascoltare in anteprima, «l’abbiamo anche già proposto al giro delle curve ed è stato accettato, manca solo De Laurentiis, lui ancora non lo conosce, dobbiamo mandarglielo». Titolo, Cleme? «Inno del Napoli, per ora, se sono rose fioriranno e verrà anche il titolo giusto». Mica facile sostituire «’O surdato ’nnammurato». «Impossibile, però quella canzone in chiave sportiva è travisata, è il canto dolente di un amore di guerra, è una melodia straziante con parole struggenti, trasformate in un inno tout court all’amore e, quindi, a una squadra che per molti è ragione di vita, amore, passion eterna». «È la storia della nostra vita», rappate, infatti. «Io sono un tifoso vero, accanito, ma c’è gente per cui è l’unico raggio di sole possibile». «Con il sole nella formazione/ e adesso sbatti i raggi su questa canzone», dite ancora.

«Inizia Emiliano, poi arriviamo noi a turno, i Sangue Mostro si dividono la loro strofa in tre parti. Alterniamo italiano e dialetto, le nostre due lingue, siamo cosmopoliti al San Paolo, lo sa pure l’Unesco». Il tuo flow batte molto sull’orgoglio napoletano, sul neapolitan power. «Sì e c’è un azzardo. Cito Diego Armando Maradona, ossia il supremo, e Massimo Troisi, da sempre il mio idolo personale; cito Nino D’Angelo, che un inno per i ragazzi della curva B l’ha già scritto, e Pino Daniele, che un inno per la città l’ha già scritto con ”Napule è”. Dicevo un azzardo perché aggiungo il mio nome al loro, ma è una di quelle spacconerie che nell’hip hop si usano, un po’ per gasarsi e un po’ come autoironia. Con ’Nto e gli altri speriamo di aver fatto un lavoro onesto, sono grato a Rocco Hunt per aver suggerito il nome mio e di ’Nto, Rocco è davvero ”fratm”, ma è strano invitare un salernitano a scrivere l’inno per il Napoli, mentre è sacrosanto comprendere che nel 2014 il rap è il ritmo e il flusso di parole giusto per incalzare i giocatori verso la vittoria di nuovi scudetti e nuove coppe. De Laurentiis sa del nostro progetto, ne parlammo a un pranzo, poi lo ribadii a ”Quelli che il calcio”, ora è pronto, aspettiamo solo il suo giudizio prima e, nel caso, quello dei tifosi». «Partenope è nel sangue/ è dNA», rappate. «È così evochiamo la città più che la squadra, convinti che le due cose coincidano. ”Napoletano/ c’è un signore che mi chiama così” canta all’inizio Emiliano Pepe. Ecco, il nostro inno, anzi il nostro aspirante inno è flusso di parole e di orgoglio, è pensato per incitare gli animi e le folle, anche se, mi auguro molto raramente, potrà essere usato anche per consolarle in vista della prossima vittoria».

FONTE Il Mattino

Preferenze privacy