shinystat spazio napoli calcio news Un solo filotto di vittorie in campionato: al Napoli è mancata la continuità

Un solo filotto di vittorie in campionato: al Napoli è mancata la continuità

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Una stagione strana. Positiva sotto alcuni aspetti. Negativa sotto altri, sicuramente da correggere. Hanno inciso svariati fattori — in primis i tanti infortuni, per di più in ruoli analoghi — ma bisogna crescere. “Ci vuole maturità. Dobbiamo crescere in mentalità. E Dobbiamo ancora capire la nostra forza e le nostre caratteristiche”, questa la perfetta analisi di Rafa Benitez nel post partita di Napoli-Lazio. Concetto ribadito più volte anche nella conferenza di sabato a Castel Volturno.

Continuità. È questa l’arma vincente per conquistare i campionati. Quella che è mancata al Napoli. Le squadre che mirano al titolo distruggono ogni avversario che gli si presenta davanti. O quasi.

ALTI E BASSI – Gli azzurri quest’anno, invece, sono riusciti a portare a casa un solo filotto di vittoriequattro — ad inizio stagione. Poi altre tre consecutive, dalla nona all’undicesima giornata. Per il resto tutti risultati altalenanti. Soprattutto nella seconda parte del campionato. Vittorie alternate con pareggi e sconfitte.

GLI AVVERSARI – Diversa la situazione delle due principali antagoniste: la Juventus e la Roma. I bianconeri, dopo una partenza meno brillante del Napoli, hanno conquistato i tre punti quattro volte di seguito (dalla quarta alla settima). Poi addirittura dodici vittorie consecutive (dalla nona alla ventesima). E ancora un ciclo da sette (dalla ventiquattresima alla trentesima). I giallorossi hanno cominciato con il botto: dieci vittorie nelle prime dieci partite. Leggero calo e altre quattro (dalla diciannovesima alla ventiduesima). Poi il filotto più recente dalla ventottesima alla trentatreesima (6 partite). Altri numeri, altri risultati, determinanti in termini di classifica. È questo il principale motivo delle distanze tra i partenopei e il club capitolino, e soprattutto tra gli azzurri e gli uomini di Conte.

Andrea Gagliotti

Riproduzione riservata

Preferenze privacy