shinystat spazio napoli calcio news SKY - Benitez: "Grandissima partita ma non perfetta. Dobbiamo mirare alla Roma"

SKY – Benitez: “Grandissima partita ma non perfetta. Dobbiamo mirare alla Roma”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Rafa Benitez ha parlato ai microfoni di Sky dopo il match tra Napoli e Juventus: “Si può sempre migliorare. Abbiamo giocato al massimo ma le rose fanno le differenze alla lunga. La Juve sta facendo il campionato dei record ed è vicino allo Scudetto.

Motivazioni? Importante è avere concentrazione ed intensità con le piccole. Quando lo rosa è fragile, in Champions e in Europa League qualcosa si paga. Non fare errori con tanti impegni è impossibile.

Possesso palla? Non è facile giocare con una squadra che ha tanti uomini dietro la linea della palla. loro hanno fatto pochissimo e non gli succede mai. Non siamo stati perfetti perchè abbiamo sprecato tanto, ma abbiamo palleggiato tanto e messo sempre in difficoltà la Juve.

Prossimi impegni? Adesso non possiamo più cambiare niente. Si può giocare così tante volte ma farlo sempre è impossibile nel corso della stagione. La crescita della squadra si vede anche in questa, ci manca un piccolo passo per arrivare alla Juve.

Diverbio con Chiellini? Non è successo niente di particolare. Eravamo tranquilli entrambi.

Henrique? E’ un difensore centrale ma fa bene anche lì. Sa aiutare i compagni, bravo di testa e con esperienza. Siamo stati bravi a stringere e a chiudere gli scarichi di Llorente ed Osvaldo.

Parole Garcia? Lui ha la giusta mentalità, deve puntare alla Juve se vuole provare a vincere. Noi dobbiamo puntare alla Roma, sempre.

Meriti dell’allenatore? C’è bisogno di tempo per plasmare alla grande una squadra. Prendere giocatori di massimo livello con un fatturato alto è più facile. Non avevano Tevez eppure c’era Osvaldo. La competizione è importante per gestire un gruppo importante.

Sconfitta Chelsea? Sono solo felice per il Liverpool ma penso a me.

Clima del San Paolo? Ad Anfield il tifo si sente di più perchè il tifoso è più vicino al calciatore”.

Preferenze privacy