shinystat spazio napoli calcio news Tra Criscito e il Napoli l'orgoglio di De Laurentiis

Tra Criscito e il Napoli l’orgoglio di De Laurentiis

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Se c’è qualcosa che ha caratterizzato il mercato del Napoli targato Aurelio De Laurentiis è stata la complessità delle trattative. Spesso rese complicate dalla gestione contrattuale del patròn azzurro, scelte che però hanno portato i loro frutti in questi anni. Il Napoli è una società solida e si è dimostrata lungimirante, basti vedere la politica dei diritti d’immagine recentemente applicata anche dal neo-presidente interista Thohir.

L’altra faccia della medaglia negli anni è stata caratterizzata da svariati rifiuti sul mercato, Rolando Bianchi fu il primo della serie ma a fare più scalpore fu quello di Domenico Criscito. Il ragazzo di Cercola nell’estate del 2011 fu scelto da De Laurentiis e Mazzarri come primo rinforzo per la difesa che si apprestava a disputare la Champions dopo più di vent’anni. Trattativa lampo con il presidente Preziosi ma a stoppare tutto fu proprio il calciatore. Poco allettante l’offerta del Napoli, più persuasiva la corte di Spalletti e dei rubli della Gazprom.

Ora Spalletti non è più l’allenatore dello Zenit ed anche Criscito starebbe pensando di chiudere questa pagina della sua carriera progettando un ritorno in serie A. E quale progetto più allettante di quello ambizioso tracciato da De Laurentiis e Benitez.

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del Mattino, il calciatore avrebbe espresso la sua volontà di approdare alle pendici del Vesuvio offrendosi alla società rifiutata tre stagioni orsono. Unico, e grande, intoppo, la personalità del vulcanico presidente azzurro che pare non aver dimenticato quanto accaduto tre stagioni fa. Vedremo il tempo, ed il mercato, cosa diranno.

fonte: Il Mattino

Edoardo Brancaccio

Preferenze privacy