shinystat spazio napoli calcio news Napoli, scatta l'operazione sorpasso. Undici round per la Champions diretta

Napoli, scatta l’operazione sorpasso. Undici round per la Champions diretta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Come, quando e perché: è un piano in più mosse che nasce da lontano, da molto lontano (sei punti ed una partita in più rispetto alla Roma, dunque distacco potenziale di nove); e mentre l’eco d’un boato terrificante va spegnendosi, ciò che resta del San Paolo, della sua forza trascinante, della caparbietà di crederci sempre, è la possibilità ora concreta d’allestire l’operazione sorpasso. Difficile, vero; non più impossibile.

FORMATO ESPORTAZIONE – Undici partite, ovvero trentatré punti: però anche sei trasferte, chiaramente di varia difficoltà, complesse, complicate, qualcuna temibilissima, dovendo misurarsi con un ex particolarmente motivato. Il Napoli da viaggio è però una garanzia, sette vittorie confermano la vocazione d’una squadra nata per stupire: e tra quei blitz, giova ricordarsene, ci sono le prove di forza di San Siro (con il Milan) o quella (però anche fortunosa) di Firenze e poi lo show (2-4) all’Oimpico con la Lazio e l’autorevolezza di Verona (0-3).

IL PRINCIPINO  – Si può fare, chiaro: ma ritrovando gli equilibri e, innanzitutto gli uomini; recuperando dunque la catena di sinistra e i talenti che fanno la differenza; riconsegnandosi ad Hamsik, alla sua leggerezza, alle capacità di lettura ed alle diavolerie e comunque alla sua genialità soppressa, finita in un cunicolo con l’infortunio e da quel dì mai compiutamente riemersa. Si può fare, se Hamsik ricomincia a segnare (ultima rete, quasi un girone fa, in casa con il Catania) ma anche se Zuniga riuscisse a garantire almeno un bimestre di diagonali e di sovrapposizioni (ultima presenza, oltre un girone fa, contro il Genoa). Hamsik e Zuniga, i tormenti d’una stagione accidentata, ricca d’infortuni (traumatici, quasi mai muscolari) e anche Mesto, chiaramente.

LA COOPERATIVA  – Cinquantadue reti in campionato: undici in meno della Juventus; nove nelle quattro partite di Coppa Italia; tredici nelle otto tra Champions ed Europa League. I numeri hanno un’anima, non mentono, sottoscrivono la «natura» del Napoli, la sua capacità di correre in avanti, a testa alta, di provare l’assalto a suon di gol. La media è un inno alla gioia: 2,11 e l’intenzione, avendone la possibilità (persino statistica) e di superare quota cento. Perché per far fuori i secondi attuali, serve sempre una rete in più degli avversari. Settantaquattro volte Napoli in trentanove partite e soltanto in sei circostanze (a Roma, con la Juventus, con il Parma e l’Atalanta; a Londra e con l’Arsenal), la consegna del compito in bianco: se non è pure questa una forza…

L’ABITUDINE – Si scrive Rafa e si traduce ovunque: il Napoli come il Chelsea è l’idea di sempre, occultata attraverso le frasi di rito; però, un anno fa, pur nella precarietà d’un contratto a termine, nell’inferno di uno Stamford Bridge mai seriamente allineato: fu Europa League e qualificazione in Champions diretta. E’ il metodo-Benitez, dunque: giocare, giocare, giocare sempre («a me non piace stare in poltrona a guardare gli altri, al martediì, al mercoledì o al giovedi») e il calendario che sembra una ghigliottina in realtà è una finestra spalancata sui propri obiettivi. Ad ora, sino a maggio, sarebbero quattrodici partite ancora assicurate; e però se poi procede la sfida in Europa… «No problema, meglio giocare».

Fonte: Il Corriere dello Sport

Preferenze privacy