shinystat spazio napoli calcio news Maraniello: "Dispiaciuto ed amareggiato per il comportamento dei tifosi del Bologna"

Maraniello: “Dispiaciuto ed amareggiato per il comportamento dei tifosi del Bologna”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dispiaciuto sì, amareggiato anche. Ma non certo pentito. «Lo rifarei di nuovo, certo. Anzi, direi ancora di insistere, di riprovare: la musica e Lucio Dalla non possono che unire i tifosi di Napoli, Bologna e di qualsiasi altra squadra. E poi Caruso? È una poesia che parla d’amore. Come si fa a oltraggiarla in quel modo? Quello che è successo domenica è una ferita per tutti». Gianfranco Maraniello è il direttore di Istituzione Musei Bologna. Maraniello è napoletano ed è tifoso del Napoli: è stato lui a lanciare l’idea di far suonare ”Caruso” prima della partita. Idea raccolta dal presidente onorario, al momento dimissionario, del Bologna Gianni Morandi. È andata male? «Non avrei mai pensato che finisse così: non certo perché avevo l’illusione che Lucio Dalla e ”Caruso” portassero distensione totale tra le tifoserie ma sognavo che almeno per qualche minuto tutti insieme, bolognesi e napoletani, si ritrovassero uniti a cantare la stessa canzone, in una sorta di ponte musicale che unisse le due città». Già, forse è stato proprio questa idea di condivisione a non piacere agli ultrà del Bologna? «Può darsi. Ed è un’occasione persa. Io vivo da sempre qui e tutto si può dire tranne che questa sia una città che fa discriminazione nei confronti degli altri». Però, quando hanno sentito i tifosi azzurri cantare a squarciagola ”te voglio bene assaje” lo hanno considerato un oltraggio. «Non lo so che cosa è scattato, ma certo non è andato come pensavamo. Era un’idea semplice, romantica: ma la cultura dello stadio, o forse è meglio dire l’incultura, è qualcosa che non sempre si riesce a comprendere e a prevedere».

Niente da fare: al tifoso-nemico non viene concesso nulla. Neppure di cantare Lucio Dalla che del Bologna peraltro ha inciso l’inno ufficiale. «Conoscevo Lucio e so bene l’amore che lo legava da bolognese verace a Napoli e alla musica napoletana. E mi fa piacere che i napoletani abbiano dimostrato il grande amore che hanno ancora nei suoi confronti». I fischi, i cori e quel ”Vesuvio lavali con il fuoco” hanno però spento tutto: la musica e l’idea. «Ha prevalso il rituale degli ultrà rispetto alla romanticismo dell’iniziativa. Sono certo che a Lucio avrebbe fatto piacere che ”Caruso” venisse suonata prima di un Bologna-Napoli». Perché ha scelto “Caruso”? «Perché è come un inno nazionale, ormai. La conoscono ovunque e infatti stava andando bene: i napoletani cantavano a squarciagola, onorati di rendere omaggio in questo modo a un’artista che era tifoso del Bologna vero». Morandi dice di essersi vergognato? «Ha ragione. Ma anche io spero che ritiri le dimissioni. Il calcio ha bisogno di figure che uniscono e lui è un monumento che non può che far bene a questo mondo decisamente ammalato».

FONTE Il Mattino

Preferenze privacy