shinystat spazio napoli calcio news De Magistris, stop a pendenze con il Napoli. Stadio completamente nuovo entro il 2020

De Magistris, stop a pendenze con il Napoli. Stadio completamente nuovo entro il 2020

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Chiudere ‘la partita’ con il Napoli entro la fine dell’anno. Questo in sintesi il pensiero del Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, emerso da alcune dichiarazioni rilasciate a proposito della questione San Paolo e riportate da ANSA:

“Stiamo lavorando per trovare una soluzione a breve, medio e lungo termine. Non sono interessato solo alla proroga della convenzione, ma a chiudere tutti i rapporti di natura economica pendenti tra la società e il Comune, ad affrontare la convenzione e ad avere garanzie sulla realizzazione del nuovo stadio”.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, invece, il Sindaco confida nella completa ristrutturazione dell’impianto entro il 2020. Ecco le parole del primo cittadino napoletano riportate quest’oggi dalla rosea:

“Le leggi devono farle i parlamentari, per cui non sappiamo quanto tempo dovremmo aspettare per un intervento in materia. Stiamo lavorando con De Laurentiis per la transazione tra Comune e Calcio Napoli, per fare una nuova convenzione e realizzare lo stadio. La spesa complessiva sarà di circa 100 milioni di euro e credo che potremmo arrivare alla ristrutturazione completa molto prima del 2020. Dobbiamo trovare l’accordo entro fine anno per poi procedere alla riqualificazione di tutta l’area esterna alla struttura. Riqualificare significa sistemare le strade, l’illuminazione e i parcheggi attorno allo stadio.

Bisogna aprire lo stadio anche ad altre iniziative, su questo sono determinato. Il San Paolo è dei cittadini. Pista d’atletica? Non è detto che verrà soppressa, è una delle ipotesi. Le associazioni sportive che ne usufruiscono ci chiedono di non toglierla e attualmente c’è anche un vincolo della sovrintendenza in merito. Il presidente ha detto che l’ho preso in giro? Ogni tanto si fa uscire qualche parola di troppo, ma poi chiama e si scusa”.

Preferenze privacy