shinystat spazio napoli calcio news Gonzalo Higuain, l’uomo scelto dai tifosi azzurri per spodestare la Juve

Gonzalo Higuain, l’uomo scelto dai tifosi azzurri per spodestare la Juve

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

gonzalo_higuainNAPOLI – C’è un motivetto che spopola nelle case tinte d’azzurro sin dal giorno dell’acquisto del Pipita.Una canzoncina in rima che fa così: «Don-din, don-din? Intervengo da Torino ha segnato Higuain». Chiaro il concetto? E se non lo fosse, beh, non costa nulla ribadirlo: il popolo del Napoli ha scelto da mesi l’uomo cui affidare la missione, il sogno di battere e spodestare la Juve. Lui, Gonzalo Higuain.

L’UOMO IN PIU’ – E allora, la prima vigilia del Pipita. La prima volta di un’attesa che non finisce mai: neanche il tempo di finire la partita con i bianconeri, chegià si pensa alla prossima. Funziona così, è Napoli-Juve. Anzi, domani sarà Juve-Napoli, e probabilmente il battesimo in trasferta è un bene per chi finora non l’ha mai vissuta da protagonista. Come Higuain lo spietato. L’inarrestabile ammirato in Champions con l’OM: rigenerato è dire poco, per quanto visto al San Paolo. A tutto campo.

IL VARENNE – Lo spietato ma anche il freddo. Perché non lascia trasparire emozioni e parla poco. Badando al sodo, ai fatti, certo. Rafa sa perfettamente che con lui il Napoli cambia completamente volto e moltiplica non soltanto la pericolosità, ma anche la personalità, e dunque il peso specifico e le soluzioni: perché Gonzalo è un centravanti di razza pura, un Varenne del gol, ma anche uno che recita a soggetto da falso nueve creando scompiglio e spazi per i compagni.
Juve avvisata, allora. Juve che, giocando un po’ sulle scelte del mercato, su Higuain aveva anche deciso di puntare: per giorni e giorni, s’è parlato del trasferimento del Pipita in bianconero; per settimane s’è trattato sull’asse Torino-Madrid, sponda Real, salvo poi salutarsi e prenotare un aereo per Manchester. Sponda City. Hola, Carlitos: sì, Tevez, il collega di un Mondiale (2010) con la Seleccion e di altre passerelle argentine, così diverso e così lontano. Non fosse altro per l’estrazione: Higuain è nato nel River e del River è follemente innamorato; l’altro, invece, è figlio legittimo del Boca. Domani Superclasico in contumacia tra loro, nonché sfida per la classifica dei cannonieri del campionato: il Pipita è a quota 5, l’Apache avanti di uno (6).

EL DIEGO – Frivolezze, diciamo così, al cospetto del significato della partita in se stessa: perché d’accordo l’onore dei popoli, ma questo Juve-Napoli vale un quadratino di scudetto e soprattutto una mega dose di autostima. Partita fondamentale, allora. Di quelle che piacciono a Higuain. La ciliegina? Beh, gli occhi di Diego. Di Maradona, che da Dubai presenterà prima la partita (per Cielo) e poi ovviamente si accomoderà in poltrona a gustare il manicaretto. E a guardare i due allievi che fu lui a portare al Mondiale sudafricano. Per chi tiferà? Per il Napoli, in assoluto. E magari, a tratti, un po’ per Gonzalo e un po’ per Carlitos. Da queste parti, invece, saranno tutti con lui, con l’uomo prescelto per la missione dell’anno: Higuain. Don, din.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy