shinystat spazio napoli calcio news Emergenza difesa: 15 cm di taglio al petto per Cannavaro, probabile lussazione alla spalla per Britos

Emergenza difesa: 15 cm di taglio al petto per Cannavaro, probabile lussazione alla spalla per Britos


allenamento_napoli_castel_volturno_spazionapoli_foto (90)_britos

Si comincia dalla fine, dalle ombre che l’Olimpico allunga sino a Marsiglia e ben oltre: perché la smorfia di dolore che manda in infermeria Miguel Angel Britos, sa quasi di bollettino medico. Buongiorno Napoli, si fa per dire: perché nella Castel Volturno immalinconita, si prosegue con la conta degli abili e degli inabili e si aspetta che gli esami strumentali aiutino a capire se quel dolore lancinante che ha escluso Britos dalla sfida in una delle sue migliori serate rappresenti un pericolo concreto e duraturo. Clavicola (destra): basta la parola per avvertire il senso di disagio e di precarietà; ma prima di fasciarsi la spalla – e dunque la testa – e rimettersi a scandagliare il Napoli per restituirle la legittima difesa, Benitez attenderà che il dottor De Nicola torni con il responso.

E però è certo che se la fortuna è cieca la malasorte deve avere una vista perfetta: manco il tempo di recuperare Maggio, che stavolta l’altra fascia finisce nell’occhio del ciclone. E‘ una maledizione bella e buona, che stavolta si sposta da destra a sinistra e che mette ko Camilo Zuniga, costretto a fermarsi – e sul serio – però non prima d’essere passato (pure lui) dalla sala operatoria di Villa Stuart, per un intervento di ripulitura d’un ginocchio che gli ha dato noia, e quanta, che gli ha già l’atto saltare due partite (con il Livorno e con la Roma} e che lo costringerà a riprendere tra un mesetto o giù di lì.

E dunque, Zuniga, che ha provato a resistere finché ha potuto e poi s’è dovuto arrendere dopo il consulto con il professor Mariani: inutile proseguire con la terapia e la buona volontà, perché ormai la diagnosi del ginocchio destro è indiscutibile. Si procederà in artroscopia – appuntamento lunedi mattina, mentre il Napoli starà partendo per Marsiglia – poi di corsa (eufemismo) per la riabilitazione.

Il destino, a modo suo, sa anche come incidere nei tormenti di Zuniga, al quale viene negata (quasi sicuramente) anche la sfida all’Olimpico di Torino, contro la Juventus, il club al quale sembrava destinato il colombiano prima del blitz di De Laurentiis e dell’irrinunciabile offerta d’un quinquennale a tre milioni e passa di euro. Per Zuniga, nell’ordine, niente Marsiglia (né l’andata e né il ritorno), niente Torino, Fiorentina, Catania e (chiaramente) “Vecchia Signora”; poi, provvidenziale, ci sarà l’ultima settimana concessa alle Nazionali, che consentirà di allenarsi senza stress.

Stamattina, si saprà anche cosa ne sarà di Britos: cambiare è inevitabile, indispensabile, e con Cannavaro che ha rimediato pure un taglio in petto – nella circostanza del rigore – servirà rifare l’appello.

FONTE: Corriere dello Sport