shinystat spazio napoli calcio news L'insostenibile leggerezza dell'essere...arbitri di una gara della Juve

L’insostenibile leggerezza dell’essere…arbitri di una gara della Juve


322726_heroaCi risiamo. Ancora una volta, la dea bendata ci ha messo lo zampino, togliendo la benda dai propri occhi e mettendola sul volto degli arbitri delle ultime due gare dei bianconeri che hanno fruttato sei punti, un bel bottino che ha fatto sì che la Juventus si trovi appaiata col Napoli al comando della classifica. E’ dura buttarla giù, ma è ancora capitato, e da buoni sportivi quali ci sentiamo di essere, sosteniamo ancora una volta una casualità dei fatti che ha però nella recidività una fastidiosa alleata, principale antagonista dei mugugni degli addetti ai lavori.

Col Chievo è capitato che a Paloschi gli fosse negato il gol del pari, che probabilmente avrebbe cambiato il volto alla gara. Quest’oggi è toccato a Tevez contro il Toro trovarsi in posizione irregolare nell’azione che ha poi portato al gol vittoria di Pogba, che andava, a questo punto, annullato. Dure anche le parole di Xavier Jacobelli ai microfoni di calciomercato.com: “La vittoria della Juventus sul Torino allo Stadio Olimpico farà discutere. Il gol segnato da Paul Pogba era viziato dal fuorigioco di Tevez ed è già il secondo episodio nel giro di quattro giorni che permette ai bianconeri di portare a casa tre punti, mercoledì il gol regolare annullato a Paloschi ha impedito al Chievo Verona di pareggiare con la Juventus. È ora di finirla con questi episodi che mettono in discussione l’intero campionato, ci vuole la moviola in campo”.

Un monito all’innovazione quello di Jacobelli, figlio di un’insofferenza verso episodi che aizzano un’atmosfera già resa insostenibile dai risaputi episodi di intolleranza che spesso vedono coinvolti i tifosi partenopei, a peggiorare la gestione degli animi ci si mette anche una sorte beffarda, coadiuvata però da una mancanza di polso in determinate situazioni, che andrebbero forse gestite e approfondite attraverso una maggiore attenzione da parte dei sei uomini in campo, che , a questo punto, sembrano davvero ancora troppo pochi. E’ possibile che non si riescano ad evitare questi errori nonostante l’avvento degli arbitri di porta?

E’ davvero necessario ricorrere alla tecnologia e trasformare il nostro amato, ruvido e talvolta imperfettopallone” in un cybercalcio all’insegna della moviola in campo? Abbiamo forti dubbi che tutto ciò possa essere accettato di buon grado, la parola passa ai tifosi, quelli passionali, quelli affezionati alla classica moviola del dopo gara, per continuare i dibattiti negli uffici, nei bar, nei posti più disparati dove il calcio unisce e divide, e scommettiamo che non appoggerebbero l’innovazione di vedere schermi e monitor in campo a decretare se un gol fosse regolare o meno…