shinystat spazio napoli calcio news Callejon: "E' stato difficile lasciare Madrid, ma ho fatto la scelta giusta. Scudetto? Il nostro obiettivo è vincere"

Callejon: “E’ stato difficile lasciare Madrid, ma ho fatto la scelta giusta. Scudetto? Il nostro obiettivo è vincere”


callejonIl giocatore azzurro Josè Maria Callejon, ha rilasciato un’intervista al quotidiano spagnolo “ABC.es”. L’ala spagnola ha parlato del suo ambientamento a Napoli. Ecco la traduzione ad opera della redazione di SpazioNapoli:

IL TRASFERIMENTO A NAPOLI “All’inizio è stato difficile. Lasciare una città meravigliosa come Madrid e la migliore squadra del mondo per una nuova esperienza fuori dal proprio paese è dura. Napoli è una città costiera, molto piccola, trafficata, dove quasi tutti si conoscono  e c’è molta confusione. Ma dopo tre mesi che vivo qui, sto bene. Questo grazie anche ai miei compagni di squadra  e alla presenza della mia compagna e sua figlia che mi hanno accompagnato in questa avventura”.

PIZZA NAPOLETANA – “Mi è piaciuta molto, ma anche in Spagna ho mangiato pizze dello stesso livello”.

NOSTALGIA – “Manca molto la mia famiglia, gli amici e Motril. Ma con il calore del tifosi tutto è più facile. Qui il calcio è la loro religione. Non si può passeggiare in strada senza che ti chiedano  foto e autografi. Questo è il vantaggio di essere un giocatore del Napoli”.

L’ADDIO AL REAL – “E ‘stato difficile prendere questa decisione, ma ho dovuto dare una scossa alla mia carriera, non giocavo quanto desideravo. Porterò sempre il Real nel mio cuore, il mio amore per il calcio è nato con questa squadra”.

BENITEZ“Rafa mi ha chiamato diverse volte parlandomi di questo progetto e di questo club che da anni stava facendo bene. Mi ha dato fiducia. E’ vero ho avuto diverse offerte sul tavolo e mi è dispiaciuto un po’ lasciare la Spagna. Ma oggi, posso solo dire che avevo ragione”.

LEADERSHIP – Da quando Maradona vinse lo scudetto nel 1990, il Napoli non arriva primo. E’ vero che siamo solo all’inizio del campionato e che ci sono ottime squadre, ma il Napoli ha lavorato bene e la momentanea leadership è importante per il morale. Il nostro obiettivo è vincere. E’ chiaro che la Juventus è la squadra da battere. Sono i campioni. Ma lavoreremo sodo per contenderci il titolo fino alla fine”.

CHAMPIONS – “Siamo nel gruppo più forte e qualificarci non sarà facile. Puntiamo a fare nove punti su nove al San Paolo. La vittoria contro il Borussia è stato fantastica, ma è solo un piccolo passo”.

IL NUMERO 7 – L’ho scelto perchè il 21, che ho portato a Madrid, era occupato. Ma Cavani aveva lasciato libero il 7, il numero della più grande leggenda del Real e il mio giocatore preferito: Raul”.