shinystat spazio napoli calcio news RILEGGI IL LIVE - Benitez: "Pensare al Borussia sarebbe un brutto segnale. Sono intelligenti..."

RILEGGI IL LIVE – Benitez: “Pensare al Borussia sarebbe un brutto segnale. Sono intelligenti…”


rafa_benitez (2)

Quest’anno ci saranno allenamenti a porte aperte?

Per me non è un problema, dobbiamo organizzare tutto. Si può fare qualche volta, certo non il giorno in cui si fa la tattica.

Che cosa teme di più dell’Atalanta?

E’ una squadra che può cambiare modulo, ed è pericolosa. Noi dobbiamo pensare al nostro lavoro. E’ una squadra forte con una grande esperienza in difesa. In attacco sono pericolosi sempre, con buoni elementi.

Qualcuno pensa già al Borussia?

I calciatori devono giocare bene questa partita e non pensare solo al Borussia. Sarebbe un segnale brutto per me. Loro sono intelligenti e per giocare tutte le partite devono essere attenti sempre.

Domani potrebbe esserci l’esordio di Mertens?

Lui è un giocatore di qualità e intelligente e può giocare in più ruoli ma di solito gioca come Lorenzo. Si è allenato bene, ha la possibilità.

Hamsik e la sua condizione fisica:

Quando i giocatori arrivano dalla nazionale, fanno un allenamento diverso dagli altri. Marek ha fatto un allenamento normale come gli altri. Niente di speciale ma meno intensità. Marek stava a posto.

Sul nuovo acquisto Zapata:

Sono sorpreso perché lui ha capito tutto velocemente. E’ integrato, parla con me spagnolo e ci sono tanti che parlano spagnolo per cui è facile. Fisicamente deve ancora lavorare molto, ma sta lavorando bene ed è sicuro che lo farà bene.

In merito al turn over:

 Io devo essere coerente con quello che ho detto. Ho detto che la prossima partita è sempre la più importante. L’Atalanta è la partita più importante per noi. Nella rosa tutti saranno importanti: non è turnover, sono coerente. 

Io lavoro non solo con la squadra, ma anche con voi giornalisti che devo far capire che si vince alla fine del campionato, non dopo la 10. Giornata. Dobbiamo lavorare di più, per restare al vertice della classifica. Ripeto, devo essere coerente: lavoro sempre fino alla fine e non mollo mai. 

Quello che tutti dobbiamo capire è che non possiamo dire abbiamo questi giocatori che sono meglio di altri oppure questa partita è più importante dell’altra: sono tutte importanti. Non voglio ripetermi ma devo essere coerente con questa idea. Il problema è che se vinciamo tutti dicono bene questo turnover, se perdiamo tutti a criticare. Se vogliamo competere in tutte le competizione dobbiamo usare l’intera rosa a disposizione. Per me il nome di un calciatore non fa la differenza, gioca chi sta meglio. 

15.28: Benvenuti da Castel Volturno per la consueta conferenza stampa prepartita: seguitela con noi attraverso Antonio De Filippo, inviato per SpazioNapoli.