shinystat spazio napoli calcio news Francesco De Luca: "Sabato primo importante crocevia della stagione"

Francesco De Luca: “Sabato primo importante crocevia della stagione”


gonzalo_higuain2Domani l’Italia potrebbe assicurarsi il posto ai Mondiali 2014. Manca poco ormai: la partita con la Repubblica ceca allo Juventus Stadium di Torino rappresenta il matchball a disposizione di Prandelli. L’ultimo atto del girone di qualificazione sarà la partita del 15 ottobre al San Paolo contro l’Armenia: probabilmente una formalità, sicuramente un’occasione per far respirare ad altri azzurri la passione napoletana, rifiorita in questi ultimi anni.

Benitez vuole esaltare ancor di più il popolo di Fuorigrotta. Già piace e convince il suo gioco, c’è stata una logica nella costruzione della squadra e forse anche nella rinuncia a un rinforzo per la difesa: Rafa e De Laurentiis preferiscono aspettare la riapertura delle trattative, a gennaio potrebbero muoversi giocatori di alto profilo, come Mascherano da Barcellona, Skrtel da Liverpool, Astori da Cagliari.

Quello che conta è il presente e il calendario offre sabato tre interessanti anticipi. L’Inter di Mazzarri, in attesa di chiarire il futuro societario, si presenta sul campo della Juve con l’intenzione di ripetere il colpo riuscito a Stramaccioni nella scorsa stagione e di dare un’ulteriore spinta ad un progetto che appare forte soprattutto perché in panchina c’è l’ex allenatore del Napoli, esperto e concreto, in grado di rianimare squadre depresse. La Juve ha chiuso il mercato con un ottimo attaccante in meno, Matri, andato a rafforzare il Milan. S’è infuriato, Conte, che rivedrà uno dei suoi peggiori nemici, Mazzarri, definito senza tanti giri di parole bravo a mettere le mani avanti. C’è, invece, cordialità con Benitez.

Inter-Juve nel pomeriggio, Napoli-Atalanta e Torino-Milan in serata. Higuain, che ha potuto lavorare bene a Castel Volturno perché non convocato dall’Argentina, cerca il primo gol al San Paolo, pronto a dare agli azzurri la carica per affrontare prima la squadra di Colantuono, avversario mai facile, e poi il Borussia Dortmund in Champions League. Benitez ha schierato la stessa formazione nelle prime due partite, con un solo cambio a Verona, Insigne, bravissimo, per Pandev, però sabato potrebbe effettuare il turnover in vista del match europeo e considerando gli impegni dei numerosi nazionali. Sulla carta il livello dell’organico del Napoli è migliorato e quindi non dovrebbe esservi il problema che l’alternanza di giocatori, più o meno intensa, ha fatto scattare durante le stagioni di Mazzarri, quando le riserve non riuscivano ad essere all’altezza dei titolari in coppa o in campionato. A Torino il Milan si presenterà con Kakà, che al fianco di Balotelli, dopo aver recuperato la piena efficienza fisica e l’abitudine a giocare con frequenza, potrebbe fare faville. Altro valore aggiunto ad un campionato che non è più povero.

Fonte: Francesco De Luca per Il Mattino