shinystat spazio napoli calcio news L'Italia vince e Prandelli bacchetta Insigne: "Può ancora migliorare tanto"

L’Italia vince e Prandelli bacchetta Insigne: “Può ancora migliorare tanto”


Insigne_Italia-320x233Palermo. L’Italia ha un piede e mezzo in Brasile. Batte la Bulgaria a Palermo 1-0 non senza patemi ed attende di chiudere la questione martedì contro la Repubblica Ceca, sconfitta ieri in casa dall’Armenia, a Torino. Duro superare la Bulgaria alla prima sconfitta nelle qualificazioni europee. Ci ha pensato Gilardino tra i migliori degli azzurri assieme a Buffon autore di due miracoli. Buona la prova di Insigne, preferito da Prandelli a Giaccherini, con Candreva alle spalle della punta genoana. Prandelli punta proprio sulla fascia sinistra per scardinare il bunker bulgaro e per questo sceglie, alle spalle di Gilardino, la verve di Lorenzo.

“Vai e punta l’uomo per creare la superiorità numerica” l’input del ct. Insigne sembra aver capito e dopo 30” lancia per Gilardino la cui girata è parata a terra da Mihaylov. Dopo questa fiammata l’azzurro sembra un po’ tirare il freno e Prandelli lo richiama: resta più volte per essere innescato ora dai lanci di Pirlo e Bonucci, ora dalle giocate da vicino di Thiago Motta. Al 25’ tenta la via del gol. Destro improvviso di Insigne da sinistra, Mihaylov protegge il suo palo e si rifugia in angolo. Ma l’Italia è frettolosa e non riesce a creare molto. Fino alla mezzora l’azione più pericolosa è dei nostri avversari con un bel sinistro di Tonev dalla distanza che Buffon para in due tempi. L’Italia insiste e cerca sempre l’out sinistro. L’azione del gol che porta in vantaggio gli azzurri al 38’. Insigne toccato duro rimane attardato, Abate spinge a destra e Candreva occupa la fascia del napoletano. Il cross del laziale è perfetto e Gilardino si fa trovare puntuale all’appuntamento del gol. L’Italia potrebbe chiudere il match qualche minuto dopo. Insigne lancia Antonelli sulla fascia, il tiro-cross da sinistra è respinto da Mihaylov. Poi schema su punizione con lo spiovente di Pirlo leggermente troppo alto per l’incornata di De Rossi a colpo sicuro.

La ripresa si apre con un’occasionissima per la Bulgaria. E un miracolo di Buffon che salva in tuffo in volo sulla linea un tocco in spaccata di Popov destinato a entrare dopo un cross dalla sinistra di Nedelev. Insigne punge con una staffilata che termina alta di cinque metri ed un rasoterra senza troppe velleità. Un pestone rifilato ad Antonelli costringe il cambio con Astori e la Bulgaria ha una fiammata che costringe l’Italia a vivere un momentaccio. Sull’angolo dalla destra svetta di testa Rangelov su cross dalla sinistra: Buffon vola e respinge sulla linea. Passa un minuto, lancio per Nedelev che tenta il sinistro a giro sul secondo palo: palla che termina di un soffio sul fondo. La partita di Insigne si chiude al 18’ della ripresa. Entra Giaccherini, che sarà ammonito. L’Italia sembra un po’ seduta anche se Gilardino ha l’occasionissima per il 2-0 dopo un pasticcio della difesa avversaria.

La Bulgaria sfiora il gol del pari nel finale, ma l’operazione Brasile è quasi compiuta. Prandelli a fine gara analizza la partita: “Siamo a un passo dal Mondiale ma in questo momento è tutto complicato perchè la condizione fisica non è ottimale. Buffon ha salvato il match in una maniera straordinaria. Bravo Insigne, ha sicuramente grandi margini di miglioramento però deve trovare anche lui una buona condizione fisica”.

Fonte: Il Mattino