shinystat spazio napoli calcio news Il Napoli cambia pelle, squadra meno "anziana" con Benitez

Il Napoli cambia pelle, squadra meno “anziana” con Benitez

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

rafa_benitezNuova stagione, nuove abitudini. Con l’arrivo di Benitez è stata messa in atto una vera e propria rivoluzione. Rivoluzione che parte dal cambio di modulo e di atteggiamento in campo e passa per la nuova mentalità del mister: più spazio ai giovani. Benitez infatti non si sofferma molto sui dati anagrafici. Chi merita il Napoli, viene accolto a braccia aperte. E’ il caso di Radosevic, classe ’94, e una ferma convinzione: “Da qui non si muove”. O di Duvan Zapata, ventidue anni, e scelto come vice Higuain.  E innanzitutto di Lorenzo Insigne, sempre più al centro del progetto e fresco di convocazione/i (con gol!) in nazionale.

Il Napoli formato Benitez cambia pelle e si ringiovanisce. 29,5 anni l’età media all’inizio della scorsa stagione. 26.7 quella di questo campionato. E allora via Campagnaro e Gamberini – 32 anni- e dentro Raul Albiol (classe ’85) e Bruno Uvini (’91). Così come addio a Donadel e spazio a Radosevic. Fuori Calaiò, tocca a Zapata. Stesso discorso anche per i portieri, di norma più “anziani”: Rafael è un ’90 e Reina ha cinque primavere in meno del buon De Sanctis. Rimane in rosa anche Bariti, che di anni ne ha 22. Probabile si accasi altrove a gennaio, ma per ora rimane nel capoluogo campano. L’esterno ex Vicenza, ha ben impressionato il tecnico spagnolo nel pre campionato e rimarrà alle sue dipendenze fino a nuove disposizioni.

Lo svecchiamento è cominciato. Di certo è ancora presto, negli altri campionati funziona diversamente. Basta pensare al nostro prossimo avversario in Champions, il Borussia Dortmund. Lì non si arriva a toccare una media di 22 anni. Giovani di primo pelo che sono già campioni. Ma non bisogna meravigliarsi, diverse vedute, diversa mentalità. In tutto. Speriamo di raggiungerli presto, aspettando i nostri Nicolao, Novothny e R. Insigne…

Andrea Gagliotti

Riproduzione riservata

Preferenze privacy