shinystat spazio napoli calcio news Zuniga, altro rilancio del Napoli, potrebbe essere quello decisivo. Firma vicina?

Zuniga, altro rilancio del Napoli, potrebbe essere quello decisivo. Firma vicina?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

camilo-zuniga

All-in. Diventa degna di un tavolo di poker texano, la partita per il rinnovo tra il Napoli e Camilo Zuniga: ultima offerta, quadriennale da 3 milioni e mezzo di euro netti, più i bonus, a stagione. Niente bluff. Anzi, tutto garantito, vero, concreto: perché il club azzurro ha deciso di puntare forte e diretto sul colombiano, sull’acquisto bis del jolly delle fasce. Top il giocatore, top la proposta. Migliorata, ritoccata ancora rispetto a quella precedente. E ora? Non resta che la firma. Mai così vicina, prossima. Vede, vedrà Zuniga: è questa la sensazione.

E allora, le ultime novità del colpo di fine mercato del Napoli. Post mercato, sarebbe meglio dire, costruito però con una trattativa lunga e serrata, costellata di tensioni, pause e frenate brusche come nella migliore delle tradizioni. Poi, l’affondo. Lo scatto bruciante sulla Juve, a un certo punto candidata molto più che autorevole a strappare a parametro zero Zuniga a Benitez come l’inter fece con Campagnaro a gennaio, l’Inter stessa e anche il Barca, interessato alla finestra. Il blitz, questa volta, è destinato a diventare soltanto un pericolo scampato: Camilo, ormai, è davvero a un passo dal rinnovo con il Napoli.

La storia è ormai pronta a raccontare il lieto fine: firma e annuncio ufficiale, le conseguenze di un accordo raggiunto virtualmente entro la fine dei mercato, come volevano le parti, sono ormai dietro l’angolo. Burocrazia, lunga e macchinosa, permettendo. Pazientare, please, ma tutti felici: da Rafa Benitez, che legittimamente non ha mai avuto la minima intenzione di rinunciare a cuor leggero a un giocatore d’elite, tra l’altro in grado di coprire, indifferentemente ed egregiamente, due ruoli delicatissimi, alla squadra, che potrà continuare la sua crescita globale conservando un prim‘attore, e Zuniga, ormai giocatore da parametri di prima fascia.

Rispetto alla penultima offerta, 3 milioni e 250mila euro, il presidente azzurro ha dunque previsto un ulteriore ritocco della parte fissa. Inutile ragionare con i condizionali e le variabili, certo, ma i frutti dei bonus e dei premi di squadra potrebbero migliorare ancora in maniera sensibile lo stipendio stagionale.

FONTE: Corriere dello Sport

 

Preferenze privacy