shinystat spazio napoli calcio news Verona invasa d'azzurro. Tifosi provenienti anche dall'estero, partono carovane da Napoli

Verona invasa d’azzurro. Tifosi provenienti anche dall’estero, partono carovane da Napoli

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

bentegodi

L’appuntamento è per tutti là, come da calendario. Stadio Bentegodi di Verona. L’ombelico della passione azzurra. Il centro di gravità di un sabato da febbre a novanta. Qui stadio virtuale a te quello reale. Il passaggio di linea è uno stato d’animo, è la voglia di esserci davvero, di presenziare, sentire, vedere. Urlare e finalmente gioire. Chievo-Napoli per migliaia. Perchè il numero non è stimabile. Napoletani ovunque, in ogni settore, con l’azzurro che dimorerà qua e là e verrà fuori. Chi può, venga. Napoletani a Verona. Uniti, compatti, per scendere in campo pressoché alla pari. Verona gialloblù, quella Chievo, la trasferta alla pari. Fuori come in casa. Numeri simili o quasi.

La prima trasferta del campionato è un esodo (ìn)controllato. Verona provincia di Napoli. Il sabato del villaggio azzurro è in novanta minuti di un’opera da finire e rifinire in ogni zona del campo coi consigli di mastro Rafa. Vincere è l’obiettivo. Poi godersi tutto il resto del week end in poltrona, vedendo (e gufando) le altre, da primo in classifica: forse solitario. Tutti con il Napoli a Verona. La partita della verifica sul campo tradizionalmente più ostico che c’è. Quattro sconfitte nelle ultime cinque uscite. C’ha perso anche Benitez con l’Inter. Storie di erroracci e protagonisti improvvisi, di re per una notte e personaggi in cerca d’autore. L’ultima vittoria del Napoli firmata Ezequiel Lavezzi.

Si parte. Da ogni dove e con tutti i mezzi. La geografia azzurra non ha confini. Frontiere no limits. Come l’amore per il Napoli. Verona lontana eppure vicinissima, raggiungibile anche dall’estero. Si organizzano i club del Nord. Partono carovane da Napoli. Treni presi d’assalto, posti aereo introvabili, l’autostrada da bollino azzurro. La tessera da esibire è solo quella di chi tifa Napoli. E entra dappertutto. Si va. L’ultimo rientro dalle vacanze è in direzione Verona. Un fiume che scorre e invade. Un‘onda ormai neanche più anomala. Canta Napoli al Bentegodi. Le canta al Chievo che ha rifatto pure lui l’inno e lo presenta stasera. Notte di note. Notte di giocate attese, volute e sognate.

FONTE: Corriere dello Sport

 

Preferenze privacy