shinystat spazio napoli calcio news San Paolo, apertura dal Comune: "Non chiudiamo nessuna porta"

San Paolo, apertura dal Comune: “Non chiudiamo nessuna porta”


498446_san paolo“C’è una disciplina nazionale vigente e che si sta aggiornando dentro la quale, dalla concessione pluriennale alla vendita dell’impianto, tutto è possibile e noi non chiudiamo nessuna porta”. Attilio Auricchio, capo di gabinetto del Comune, getta le basi per la trattativa con il patron Aurelio De Laurentiis sulla spinosissima questione San Paolo. Il presidente lanciò a luglio una specie di ultimatum: “O mi vendono il San Paolo, le leggi lo consentono, oppure vado a giocare a Caserta”. Da quel giorno è calato il silenzio fino alle parole di Auricchio che aprono scenari nuovi e che molto probabilmente sono il frutto di un lavorio diplomatico mai interrottosi tra le parti anche in questa rovente estate. Auricchio, si sa, è il primissimo collaboratore del sindaco Luigi de Magistris, quando parla lui di solito qualcosa sta per maturare. E la sensazione, vista la volontà delle parti di chiudere il pacchetto San Paolo al più presto, è che effettivamente i tempi siano maturi per fare un ragionamento concreto. Il sindaco in questi giorni è in vacanza, il rientro è previsto per lunedì. Tuttavia non è escluso che de Magistris accorci di qualche ora il rientro per essere domenica sera allo stadio alla prima del nuovo Napoli spagnolo. Il posto al fianco del presidente in tribuna autorità è sempre riservato. E chissà, potrebbe essere anche l’occasione per riallacciare i contatti sulla materia ai massimi livelli. In ogni caso entro il mese o al massimo a inizio settembre sono previste novità e incontri. Perché lo stadio è sicuro e agibile ma non all’altezza degli azzurri e della città. Il patron è pronti a metterci i soldi solo a patto che il San Paolo diventi suo. E ha già un piano e un progetto in base al quale in due anni l’impianto e anche la piazza che lo ospita cambierebbero volto. “Veniamo da una ristrutturazione dell’impianto molto importante – spiega ancora Auricchio – pochi hanno colto che il tema dell’agibilità era fondamentale perché adesso sappiamo che l’impianto è sicuro. Cosa che amministrazioni più brave e importanti della nostra non si sono mai curate di accertare”. Venatura polemica nemmeno tanto soft quella del capo di gabinetto molto sul pezzo: “Con lo stadio sicuro e agibile il proprietario Comune deve fare solo opere funzionali se necessarie, per il resto tocca ad altri. Ci auguriamo che ci sia un investimento dell’imprenditoria e che sia De Laurentiis a farlo. Tutto sarà trasparente e pubblico: il concessionario non può fare favoritismi. Certo, il tema è questo, ed è bene sottolinearlo, la disciplina nazionale che si sta aggiornando prevede che chi ha il titolo sportivo della squadra cittadina deve avere particolari attenzioni. Io che sono tifosissimo del Napoli mi auguro che si arrivi presto a una soluzione compatibile con le norme. Che vanno dalla concessione pluriennale come sta accadendo a Udine, alla vendita. Noi siamo pronti a sederci a tutti i tavoli”. Idee sul futuro ce ne sono e Auricchio ne lancia una abbastanza nuova per il panorama italiano. “Senza più le spese per il San Paolo e con i proventi della vendita potremmo cominciare a ipotizzare un piano di edilizia sportiva per dare a tutti i quartieri della città impianti a misura d’uomo dove i giovani potrebbero svolgere attività gratis. Anche in questo senso la normativa nazionale può aiutare le scelte del Comune”.

Fonte: Il Mattino