shinystat spazio napoli calcio news L'editoriale di Raffaele Nappi: "Una piccola, piccolissima domanda a De Laurentiis"

L’editoriale di Raffaele Nappi: “Una piccola, piccolissima domanda a De Laurentiis”


editoriale_raffaele_nappiSì, viaggiare. Senza più tornare indietro, però. Il punto è chiaro: c’è solo un piccolissimo particolare da rimproverare al buon De Laurentiis, al grande De Laurentiis, al magnifico De Laurentiis. Ecco, il patron dalle mille sorprese forse si sarà dimenticato di una questione, seppur piccola e marginale, che fa comunque la sua parte.

Tralasciate per il momento la maglia militare, la questione San Paolo, le cheerleaders che danzano sulle note del Grande Gatsby; ecco, tralasciate pure lo stemma azzurro in mezzo alla bandiera americana (chi lo avrà pensato mai? ndr), i fuochi d’artificio, le amichevoli estive, le amichevoli estive a pagamento, le amichevoli estive contro il Cesena a pagamento (!) e metteteci pure le polemiche sui diritti d’immagine, sul calciomercato, sul tetto d’ingaggi, su questo e su quell’altro.

C’è un piccolo, piccolissimo punto che il buono e magnifico De Laurentiis dovrebbe prendersi a cuore. Ed è quello dei tifosi. Sì, mi spiego subito: avete mai provato a raggiungere lo stadio? Ma certo, risponderete. E avete mai provato a raggiungere lo stadio dalla provincia? Ma certo, ancora.

La domanda non era questa, ovviamente, ma quella successiva: avete mai provato a tornare a casa dopo la partita, magari in notturna? Ma certo. E come? Ecco, è questo il punto. La condizione dei mezzi di trasporto legata allo spettacolo del San Paolo è ancora tutta da verificare (per usare un eufemismo).

Per un bambino, per una famiglia, per un gruppo di ragazzi è impossibile tornare a casa usando solo i mezzi pubblici. La realtà è semplice: se togliete le macchine e i motorini, non c’è altra soluzione per raggiungere le zone interne, magari quelle della provincia. Come fare?

Ecco, il buono e magnanimo De Laurentiis potrebbe pensare anche a questo, magari parlandone con l’amico e compagno assiduo di partite interne Luigi De Magistris. Sì, perché in fondo è di tifosi che stiamo parlando.

Avete mai provato a tornare a casa dopo la partita notturna al San Paolo? Provateci, però poi non vi lamentate. Noi vi avevamo avvertito.

Raffaele Nappi