Home » Rassegna Stampa » La campagna abbonamenti procede a rilento: solo 5000 le tessere rinnovate

La campagna abbonamenti procede a rilento: solo 5000 le tessere rinnovate

Per Napoli-Aik biglietti in vendita da domaniForse aveva ragione Aurelio De Laurentiis quando nel giugno del 2011 lanciò una provocazione: “Per quest’anno niente campagna abbonamenti”. Il presidente del Napoli ci ripensò, ma aveva intuito che in città c’è crisi e che i fedelissimi al San Paolo sono sempre meno. Del resto, pure quando parlava di stadio virtuale in pochi capivano a cosa si riferisse, oggi invece il Napoli vende le amichevoli in pay per view ad una platea vastissima e sa ancora richiamare le masse a Fuorigrotta: in 54.694 spettatori col Galatasaray.

Avanti piano La campagna abbonamenti, però, dopo un buon avvio va a rilento, nonostante per il terzo anno consecutivo i prezzi siano rimasti bloccati e nonostante le molteplici iniziative poste in essere dalla società: 1.100 ricevitorie abilitate in tutta Italia, possibilità di rateizzazione del pagamento e, come ieri ha ricordato proprio De Laurentiis via Twitter, “il voucher elettronico che permette di acquistare l’abbonamento anche senza tessera del tifoso”. L’effetto Higuain ha smosso qualcosa, ma è lontanissimo il 1975 quando per l’acquisto di Savoldi furono in 70.402 a sottoscrivere l’abbonamento: “Il napoletano si muove all’ultimo momento e quindi inizialmente non abbiamo mai grande riscontro, poi predilige sempre il grande evento – spiega il dirigente azzurro Alessandro Formisano –. Però, quest’anno chi si abbonerà avrà la prelazione per le gare casalinghe di Champions, un aspetto da non sottovalutare. Fino ad ora, nella settimana riservata ai vecchi abbonati, abbiamo venduto 5.000 tessere rispetto alle 2.500 di un anno fa”. 

Confronti A Verona sono già oltre 15.000 gli abbonati dell’Hellas, a Genova quasi 14.000 quelli del Genoa mentre il Torino si avvia verso quota 7.000. Da queste parti, invece, le cose vanno diversamente. Nonostante ciò, nella scorsa stagione ci sono stati in media 39.636 spettatori al San Paolo per le gare di campionato. In pratica gli stessi dell’anno precedente mentre nel 2010-2011 erano stati 45.608. Insomma, si passa sempre più dal botteghino per la gioia del cassiere. Con la Champions i pienoni sono garantiti. Non a caso, non ci saranno mini abbonamenti.

LEGGI ANCHE:   ULTIM'ORA - Tutto fatto per l'attaccante, affare in definizione!

Fonte: La Gazzetta dello Sport