Home » Rassegna Stampa » Cannavaro, adesso bisogna lottare con Albiol per il posto da titolare

Cannavaro, adesso bisogna lottare con Albiol per il posto da titolare

Cannavaro“Cannavaro è il nostro capitano, un grande professionista, sta lavorando molto bene, sono molto contento per il suo atteggiamento e oggi è il nostro titolare. Se però vogliamo crescere abbiamo bisogno di migliorare la rosa e lui dovrà competere con gli altri”. La filosofia di Benitez vale per tutti, nessuno escluso, anche per il capitano azzurro, intoccabile con Mazzarri. E Cannavaro è pronto a competere con Albiol e con gli altri, come ha sempre fatto negli anni, per conquistarsi una maglia da titolare. In ritiro sono rimbalzate voci su una sua eventuale cessione, forse addirittura già a gennaio. Nessuna conferma però: Cannavaro è sotto contratto per altri due anni con il Napoli e vuole continuare a giocare con il Napoli e ad esserne il simbolo, il capitano. Qualche sorriso in meno rispetto agli altri ritiri però c’è stato, ad esempio nella festa della presentazione in piazza della squadra e soprattutto meno parole, meno interviste, rispetto agli altri ritiri. Tanto lavoro però, come sempre, anche perchè quest’anno dovrà convincere un nuovo allenatore, Benitez, e assimilare al meglio e in fretta il nuovo modulo della difesa a quattro.

LEGGI ANCHE:   ULTIM'ORA - Ore decisive per Raspadori al Napoli, succederà stasera!

La sua posizione contrattuale è chiara, il contratto è in scadenza nel 2015 ma per l’ultimo anno c’è una clausola per cui lo stipendio sarebbe dimezzato, o comunque non sarebbe pieno, se non raggiungesse un numero determinato di presenze. L’adeguamento del contratto è un argomento che non è stato affrontato in questi anni e per Cannavaro un mese fa sono giunte voci dell’interessamento di squadre russe, il Rubin Kazan innanzitutto. Cannavaro è stato uno dei simboli del Napoli di questi anni insieme ad altri azzurri che sono andati via. E forse s’attendeva in generale da parte dell’ambiente un pizzico di riconoscenza in più. Magari questo può avere un po’ turbato il suo stato d’animo in questi quindici giorni di ritiro. Ma la sua idea non cambia, Paolo Cannavaro vuole restare a Napoli e giocarsela come sempre. Lo scenario cambierebbe solo se la società dovesse prendere decisioni diverse.

LEGGI ANCHE:   ULTIM'ORA - Ore decisive per Raspadori al Napoli, succederà stasera!

Partirà la stagione e il capitano avrà modo di fare un primo bilancio personale con il passare delle giornate, partita dopo partita. Per il contratto c’è tempo, la clausola entrerà in vigore l’anno prossimo e prima della fine stagione i suoi manager Enrico e Gaetano Fedele attenderanno un segnale dalla società. Per ora riparte con la fascia e pronto a giocarsela con Albiol e con tutti.

Fonte: Il Mattino