Home » News Calcio Napoli » De Sanctis e Zuniga, le diverse reazioni dei tifosi in uno strano mercato

De Sanctis e Zuniga, le diverse reazioni dei tifosi in uno strano mercato

ZunigaPer il tifoso di calcio il mercato estivo è il momento più preoccupante ed al contempo inebriante: tutto può succedere e si può sognare in grande ma la possibilità di dire addio ad uno o più dei propri campioni diventa non troppo remota. Sono due estati ormai, che i supporter del Napoli non riescono a vivere tranquillamente la finestra di luglio ed agosto fatta di acquisti e cessioni, dovendo salutare in soli dodici mesi due leader indiscussi come Lavezzi e Cavani, capaci come pochi di infiammare la torcida partenopea, assumendosi l’onere e l’onore di diventare beniamini indiscussi in una città ed una piazza complicata ed unica come quella sotto l’ombra del Vesuvio. In attesa di altri colpi in entrata che possano far presagire qualcosa di davvero importante, ci potrebbero essere altri due addii particolarmente sentiti per i supporter azzurri, quelli di Morgan De Sanctis e Camilo Zuniga, personaggi tra loro completamente diversi ma che hanno saputo conquistarsi un posto d’eccezione nel cuore della folla del San Paolo.

Morgan De Sanctis si appresta a vivere i suoi ultimi minuti in forza al Napoli. Si attende infatti solo l’ufficialità del suo passaggio alla Roma e l’arrivo con tutta probabilità in azzurro di Pepe Reina. Il portiere partenopeo era assente infatti anche alla presentazione della squadra, ha salutato oggi tutti i compagni e lo staff in quel di Dimaro ed è diretto verso la capitale per sostenere quanto prima le visite mediche. Un duro colpo a livello affettivo per i tifosi partenopei, molto legati alle gesta sportive ed allo stampo da leader dell’estremo difensore, che non si è mai tirato indietro quando c’era da parlare e metterci la faccia in situazioni delicate, che ha sempre trascinato la squadra verso vittorie importanti, subendo spesso critiche molto dure sulle sue prestazioni altalenanti in campionato. Un professionista come pochi, che ha sempre onorato il suo lavoro e la maglia del Napoli, rispettando i tifosi e la gerarchie, mettendosi ora da parte quando il progetto del club stava cambiando. Il nuovo Napoli perde un altro punto di riferimento, pronto però a ripartire con altri grandi campioni del calibro internazionale.

LEGGI ANCHE:   Calciomercato Napoli, idea dalla Premier per il sostituto di Fabian

L’addio di Zuniga invece, è meno certo anzi, piuttosto improbabile. La Juventus lo sta corteggiando da tempo così come altri club ma Benitez lo sta ancora osservando con attenzione per capire cosa sarà per futuro del colombiano. Arrivato a Napoli in sordina, ha saputo conquistare con il tempo, duro lavoro, un grande spirito di sacrificio e tanta umiltà un posto tra i titolarissimi azzurri, cambiando all’occorrenza persino ruolo, spostandosi sulla scorribanda mancina. Noto al pubblico del “San Paolo” per i suoi dribbling disorientanti ed ubriacanti (spesso anche per lui…), è in perfetta sinergia con i compagni di squadra, pur facendo gruppo a sé in particolar modo con i sudamericani, che ultimamente sono nettamente diminuiti a favore dei brasiliani e degli spagnoli. Un cambio di tendenza che è collegato anche alle ultime cessioni e che fa pensare anche ad uno stravolgimento delle gerarchie nello spogliatoio, che nel caso di addio di Zuniga vedrà privarsi di un leader carismatico come pochi. Non è detto che vada via: i tifosi hanno imparato a volergli calcisticamente e tecnicamente bene apprezzando la sua indubbia ed enorme crescita ma il legame che avevano con De Sanctis è nettamente diverso.

LEGGI ANCHE:   Niente Spezia per Meret: un altro club è pronto a farsi sotto

Questo purtroppo è il calcio, dove tanti campioni si alternano e cambiano squadra in un breve lasso temporale. L’amore per la squadra da parte dei tifosi però resta, così come l’immensa fiducia che hanno nella società ed in particolar modo nel presidente De Laurentiis che non si nasconde più: “Compreremo ancora, vogliamo vincere insieme a voi”. Colpito ed affondato.

Alessia Bartiromo
RIPRODUZIONE RISERVATA