Home » Interviste » Marcello Lippi: "Ricordo quando vendemmo Zidane. Con Cavani può ripetersi la storia"

Marcello Lippi: “Ricordo quando vendemmo Zidane. Con Cavani può ripetersi la storia”

marcello lippiTutti contro la Juve. “Scontato ma è così”. Marcello Lippi passeggia con il nipote sul lungomare di Ibiza. In Cina ha quasi ammazzato il campionato: il suo Guangzhou in fuga e le altre indietro anni luce. E’ quello che rischia di succedere in serie A con la squadra di Conte? Il tecnico di Viareggio ride. “La Juve è la più forte e inizia il Giro d’Italia con la maglia rosa e con tanti minuti di vantaggio. Chi spera di veder andare in crisi Pirlo e compagni commette un errore fatale. Lo scudetto può tornare in gioco solo se qualcuno dei rivali cambia all’improvviso ritmo”.

Chi può recitare questo ruolo?
“Il Napoli ha in mano il tesoretto Cavani: 63 milioni sono una cifra spaventosa. Se il presidente De Laurentiis trova i giocatori giusti, può diventare subito una rivale credibile. Vi ricordate cosa successe quando la Juve cedette Zidane al Real? Ricordo ancora la telefonata dei dirigenti: “Marcello, ti dobbiamo dare una brutta notizia, Zidane va al Real”. Un pugno nello stomaco. Ma i soldi di Zizou regalarono alla Juve tre campioni quali Buffon, Cannavaro e Thuram e si aprì un nuovo ciclo straordinario. La storia si può ripetere con la cessione di Cavani. Non dimenticate che il Napoli ha in panchina un vincente nato come Benitez”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport