Home » Copertina Calcio Napoli » Julio Cesar, arriva l'ultimatum del Napoli: deve decidere in 24 ore

Julio Cesar, arriva l’ultimatum del Napoli: deve decidere in 24 ore

julio-cesarUna giornata intera in attesa del sì. L’ultima giornata di tempo data a Julio Cesar per accettare il Napoli. Un’accelerata decisiva del club azzurro per convincere il portiere titolare del Brasile che ha trionfato nella Confederations Cup: rialzo dell’offerta a 2.8 milioni, ne guadagna 3 al Qpr. Una mossa ulteriore del Napoli per arrivare all’ex numero uno dell’Inter: elemento in cima alla lista di Benitez, ritenuto indispensabile per la sua esperienza. Scelta fatta in funzione della Champions League e il campionato e per far cresccere con più tranquillità Rafael, l’altro portiere brasiliano 23enne già acquistato. L’ultimo ostacolo da superare era quello dell’ingaggio, tutto fatto da tempo con il Qpr, intesa tra le due società sulla base del prestito annuale. L’idea scattata già da tempo e cioè da quando Benitez ha fatto sapere in maniera chiara che intende avere due elementi competitivi allo stesso modo. Discorso che vale per tutti i ruoli, compreso quello del portiere. Ed ecco che oltre al promettente Rafael si è pensato all’esperto Julio Cesar.

LEGGI ANCHE:   Infortunio al Mondiale, si teme per un azzurro: "È in dubbio per la gara di domani", le parole del CT

L’ultimatum del presidente De Laurentiis arrivato mercoledì sera dopo giorni di attesa per sbloccare la vicenda. L’ultima chance prima di cambiare strategia: ultimatum che scadeva in nottata in Italia, tenendo presente il fuso orario di cinque ore di differenza con in Brasile. Julio Cesar infatti sembrava molto vicino dieci giorni fa, poi però non ci fu la conclusione positiva della trattativa. Al suo rientro in Brasile, a inizio settimana dalla vacanza, si attendeva l’ok che però era slittato. E così il Napoli ha continuato il pressing e ha fatto sapere ieri all’agente Josias Cardoso che non si poteva andare oltre con i tempi di attesa. Julio Cesar, 34 anni, ha ragionato ad ampio raggio, dall’aspetto economico a quello professionale: questo è l’anno che porta al Mondiale 2014 in Brasile. E per mettersi in vetrina serve un club importante: il Napoli che gioca la Champions League lo è certamente di più rispetto al Qpr appena retrocesso dalla Premier League. 

Fonte: Il Mattino