shinystat spazio napoli calcio news Cavani: "Futuro? E' una situazione delicata ma per ora sono un calciatore del Napoli. Ecco cosa farò dopo la Confederations"

Cavani: “Futuro? E’ una situazione delicata ma per ora sono un calciatore del Napoli. Ecco cosa farò dopo la Confederations”


Cavani golEdinson Cavani ha rilasciato alcune dichiarazioni ai mircofoni di GlobeEsporte. Ecco quanto evidenziato da SpazioNapoli.it: “E’ inutile parlare del mio futuro adesso. Io, che sono il protagonista principale della storia, non so niente. La cosa importante da sapere è che sono un giocatore del Napoli e che devo tornare lì. Alla fine della Confederations Cup prenderò un paio di giorno di riposo per poi tornare a Napoli e affrontare la situazione. E’ una situazione delicata ma non c’è bisogno di parlarne di fronte ad una telecamera. Il calcio italiano mi ha insegnato un sacco di cose e, secondo me, è quasi perfetto. Per fare bene in Italia ci vuole tanto sacrificio anche perchè, grazie alla grande attenzione che si dà alla tattica, non esiste una squadra inferiore, tutte partono sullo stesso piano e chi sbaglia paga a caro prezzo. Capocannoniere in Italia? Devo dire grazie ai miei compagni. Insieme alla mia squadra abbiamo fatto un grande campionato. Siamo riusciti ad esprimere un bel gioco e, nonostante i momenti difficili, siamo riusciti a qualificarci per la Champions League, un qualcosa di fantastico per il Napoli. Per quale campionato sono adatto? Credo di essere adatto per il calcio italiano. L’unica cosa che posso pensare oggi è che ho un contratto con il Napoli. Per ora questo è il mio club. L’offerta del Chelsea? Non credo nei numeri. Voglio solo giocare a calcio. Non m’importa se valgo più di Neymar o di qualsiasi altro calciatore. La cosa più importante per me è giocare e divertirsi. Ho sempre voglia di vincere anche se nella mia carriera ho perso molte volte. Fa parte del gioco, ma io metterò sempre il cuore sul campo. Un attaccante brasiliano che mi ha ispirato? Un giocatore brasiliano che mi piaceva molto e che ho sempre guardato per crescere e migliorare era Ronaldo. Ha sempre fatto le cosi semplici e così è diventato uno dei migliori al mondo”.